Anche il liceo linguistico Ilaria Alpi a Bologna per celebrare la "scuola digitale"

Le scuole di Forlì-Cesena alla tre giorni sul digitale che il MIUR ha organizzato a Bologna per celebrare il secondo compleanno del Piano Nazionale Scuola Digitale.

Il Piano Nazionale Scuola Digitale, istituito con la legge “Buona Scuola”, festeggia il suo secondo compleanno e si regala una tre giorni di eventi nella nostra Regione. Il Ministero della Pubblica Istruzione ha infatti scelto Bologna come sede di “Futura” (il nome dell’iniziativa è un omaggio a Lucio Dalla e al tempo stesso uno sguardo lungimirante sulla scuola di domani). Gli eventi, tutti gratuiti, avranno luogo nel centro storico della città felsinea da giovedì a sabato e vedranno la partecipazione di migliaia fra studenti, insegnanti e dirigenti scolastici, che potranno scegliere fra incontri istituzionali, conferenze, appuntamenti con testimonial, condivisione delle migliori pratiche, gare di robotica e droni, fablab ed esperienze di realtà immersiva, distribuite in oltre 3000 metri quadri di spazi e luoghi significativi della città. A questa importante festa di compleanno le scuole di Forlì-Cesena non parteciperanno come semplici invitate, ma saranno vere protagoniste.

Nei locali della Future Zone il liceo linguistico Ilaria Alpi di Cesena presenterà nei tre giorni della manifestazione un progetto nato principalmente per avvicinare le studentesse delle scuole medie, che si trovano in una fase importante di orientamento e di scelta del loro futuro, alla scoperta delle discipline scientifiche, quelle che vengono identificate con l’acronimo Stem, ossia Science, Technology, Engineering and Mathematics (in italiano scienza, tecnologia, ingegneria e matematica). A tutta musica! Gli studenti del liceo artistico e musicale di Forlì si cimenteranno nel pomeriggio di venerdì in uno speciale concerto musicale al palazzo Re Enzo, alla presenza della ministra Valeria Fedeli: ispirati da brani tratti dal “Diario di scuola” di Daniel Pennac si esibiranno vari ensamble di violoncelli, sassofoni e percussioni, nonché un trio di musica soul, preparati e coordinati dai professori del liceo musicale. Perché, prendendo a prestito le parole di Beethoven, “Dove le parole non arrivano… la musica parla…”.

Non si vive di solo virtuale. L’Istituto Pellegrino Artusi di Forlimpopoli parteciperà alla tre giorni con una specialità culinaria che valorizza i piatti tipici locali e coinvolge sia gli alunni di quinta sia gli studenti del serale. La specialità presentata durante lo show cooking? Un maialino di mora romagnola cotto a basse temperature, con contorno di verdure, salsa barbecue e cavolini di Bruxelles. L’appuntamento è al palazzo Re Enzo giovedì 18 dalle ore 12.30 alle 14.30. Numerose, quindi, le opportunità e le occasioni di incontro, formazione, innovazione, partecipazione attiva. Una pacifica invasione, che permette al digitale e al virtuale di incontrarsi con le persone reali e che non dimentica la creatività, l’immaginazione, la concretezza e un pizzico di sana imprevedibilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • Focolaio di Covid all'interno dell'ospedale, il sindaco: "Situazione di emergenza"

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Terremoto avvertito nel cuore della notte: epicentro nella pianura forlivese

Torna su
CesenaToday è in caricamento