Cronaca

Il coronavirus non ferma il mercato dello spaccio della cocaina: due arresti

I Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cesenatico hanno arrestato due persone

Il coronavirus non ferma il mercato dello spaccio di sostanze stupefacenti. I Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Cesenatico hanno arrestato il 24 marzo scorso un trentanovenne originario della provincia di Brindisi, residente a San Mauro Pascoli, ed una donna trentatrenne di origine romena, in Italia senza fissa dimora, entrambi gia’ noti alle forze dell'ordine, con l'accusa di spaccio e detenzione di sostanza stupefacente in concorso. 

Gli uomini dell'Arma hanno predisposto un servizio di osservazione a Gatteo, frazione Mare, nei pressi di un residence. Dopo aver sorpreso, fermato e segnalato un soggetto che aveva poco prima acquistato dal trentanovenne quattro dosi di cocaina, per un peso complessivo di 2,50 grammi, ha effettuato una perquisizione nella stanza del residence occupata dai due soggetti, trovando 255,83 grammi di cocaina, parte della quale gia’ suddivisa in dosi e materiale vario per il confezionamento dello stupefacente. 

Per la coppia è scattato così l'arresto in flagranza di reato. L'indomani si è svolta l'udienza di convalida in videoconferenza, con il giudice Giorgio Di Giorgio che ha disposto, in attesa delle successive udienze, il trentanovenne agli arresti domiciliari, mentre la donna all'obbligo di presentazione alla pg. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il coronavirus non ferma il mercato dello spaccio della cocaina: due arresti

CesenaToday è in caricamento