Il centro torna a vivere senza assembramenti, Confcommercio: "Tornare a lavorare è un bel passo avanti"

Patrignani: "La situazione è dura, seria, la crisi economica preoccupa, ma è bello vedere il centro tappezzato di tavolini fioriti con persone attente alle nuove regole"

"Questa mattina c'era qualcosa di nuovo, anzi d'antico in centro storico. Movimento, naturalmente nel rispetto delle regole, avventori seduti nei tavolini all'aperto regolarmente distanziati dei bar, persone nei negozi, e anche fuori, in attesa di entrare rispettando le distanze", afferma con soddisfazione Corrado Augusto Patrignani, presidente di Confcommercio. "C'era il ritrovato mercato ambulante, con un buon passaggio. Il colpo d'occhio induceva alla fiducia  e all'intelligente ottimismo. Intelligente nel senso che la questione non è , come si diceva ingenuamente all'inizio, "andrà tutto bene". Tutto bene non è andato, purtroppo. La questione è "ora possiamo ripartire", con attenzione e nel rispetto delle norme, ma l'impressione questa mattina è che la vita sia ripresa e che sia possibile vivere in maniera sociale, a distanza, convivendo col virus, lavorando, vedendo le persone. Una giornata normale, con le mascherine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commercianti e baristi erano inappuntabili per professionalità, affabilità e capacità di essere naturali pur nel rispetto del protocollo. Ho colto nelle persone responsabilità: socialità sostenibile, senza assembramenti. Niente movida. Niente promiscuità. L'ultimo sabato di vita piena era stato il 29 febbraio, ma già sapevamo del caso di Codogno. Poi c'è  stato il lockdown e la città surreale, deserta, come dopo un apocalisse. La prossima settimana altre riaperture consentiranno di avere praticamente la ripartenza a ranghi compatti. Certo, la situazione è dura, seria, la crisi economica preoccupa, ma ricominciare tutti a lavorare è un bel passo, così come lo è vedere il centro tappezzato di tavolini fioriti di persone distanziate. Una bella giornata di primavera e di vita per Cesena. Il nostro slogan nel loockdoown è stato "Forza che ce la faremo". Sta venendo il tempo di aggiornarlo. "Ce l'abbiamo fatta" è prematuro, perché la sfida è molto ardua, ma giornate come queste alimentano la fiducia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento