Cronaca

Il Campus celebra i 12 docenti che non si piegarono al fascismo: "Libertà di espressione tema sempre attuale"

“Con questa celebrazione – ha commentato il Sindaco – vogliamo ricordare la rettitudine e  la forza di non piegarsi al regime fascista da parte di 12 valorosi docenti di diverse Università italiane"

All’inizio dell’Anno Accademico 1931-32, quando 1.225 professori universitari furono invitati a firmare un modulo con il quale avrebbero giurato fedeltà al regime fascista, 12 di questi non si piegarono all’imposizione  perdendo in questo modo la cattedra e il diritto alla liquidazione e alla pensione.

Ecco i nomi (sui quali tutti gli storici concordano):

Ernesto Buonaiuti (1881-1946), Storia del cristianesimo, Università di Roma
Mario Carrara (1866-1937), Antropologia criminale e Medicina legale, Università di Torino
Gaetano De Sanctis (1870-1957), Storia antica, Università di Roma - Giorgio Errera (1860-1933), Chimica, Università di Pavia
Giorgio Levi Della Vida (1886-1967), Lingue semitiche, Università di Roma
Fabio Luzzatto (1870-1954), Diritto civile, Università di Macerata
Piero Martinetti (1872-1943), Filosofia, Università di Milano
Bartolo Nigrisoli (1858-1948), Chirurgia, Università di Bologna
Francesco Ruffini (1863-1934), Diritto ecclesiastico, Università di Torino
Edoardo Ruffini Avondo (1901-1983), Storia del diritto, Università di Perugia
Lionello Venturi (1885-1961), Storia dell'arte, Università di Torino
Vito Volterra (1860-1940), Fisica matematica, Università di Roma

Nel 90esimo anniversario dell’obbligo per i docenti universitari di giuramento di fedeltà al fascismo e nell’ambito delle iniziative intitolate “Ci fu chi disse no” e organizzate da ANPI per ricordare questo coraggioso atto di resistenza, l’Amministrazione comunale, insieme al Campus di Cesena, questa mattina hanno ricordato i 12 docenti espulsi a seguito del loro rifiuto. La cerimonia si è svolta, alla presenza di studenti e professori, presso il Polo universitario cittadino e nello specifico all’interno della Corte che nel 2018 è stata intitolata dal Comune proprio ai Docenti Universitari che non si piegarono al fascismo e che tutt’oggi rappresentano, con la loro scelta, i saldi principi democratici e antifascisti anche alla base della lotta di Resistenza.

Alla celebrazione, impreziosita dalle letture di alcuni scritti dei 12 docenti a cura di WeReading, hanno preso parte il Sindaco Enzo Lattuca, il Presidente di Campus Massimo Cicognani, l’Assessora regionale all’Università Paola Salomoni e Miro Gori di Anpi Forlì-Cesena. Nello specifico, l’attore Giacomo Garaffoni ha letto la lettera che i docenti Mario Carrara e Bartolo Nigrisoli indirizzarono rispettivamente ai Rettori dell’Università di Torino e di Bologna per motivare il loro fermo rifiuto a prestare giuramento.

“Con questa celebrazione – ha commentato il Sindaco – vogliamo ricordare la rettitudine e  la forza di non piegarsi al regime fascista da parte di 12 valorosi docenti di diverse Università italiane. Possono sembrare pochi, ma non lo sono. Non tutti trovarono la forza di resistere e di non adattarsi anche per non incorrere in quella extrema ratio prevista: l’espulsione dall’ambito accademico. Sempre attuale resta la riflessione della libertà di espressione, di pensiero e di insegnamento per i docenti che svolgono la propria attività didattica. Questi fatti risalgono a 90 anni fa e sono certo che non torneranno anche grazie ai principi su cui si fonda la nostra Repubblica italiana. Tuttavia un po’ di preoccupazione c’è rispetto ad alcuni comportamenti violenti a cui stiamo assistendo, penso ai fatti che si sono verificati a Roma la settimana scorsa e che non ci lasciano insensibili. La guardia rispetto a un ritorno della violenza deve rimanere sempre alta anche nelle Università, che sono i presidi della libertà di pensiero di una comunità”.

Tra i 12 docenti che si opposero al giuramento di fedeltà al fascismo c’era anche il chirurgo romagnolo Bartolo Nigrisoli, che divenne per il fascismo un avversario oltre che scomodo anche intoccabile, perché gli infiniti atti di generosità verso i bisognosi del suo aiuto e gli ammalati poveri gli avevano creato una larga base popolare a lui favorevole per stima e per riconoscenza. Inoltre godeva anche della massima considerazione in campo medico e scientifico. Nel dicembre del 1931, quando Mussolini pretese il giuramento di fedeltà al fascismo da parte dei docenti universitari, alcuni amici gli consigliarono di chiedere immediatamente il collocamento a riposo, ma rifiutò ribadendo che non avrebbe giurato e non si sarebbe allontanato spontaneamente, proprio per lasciare al fascismo la responsabilità di ogni decisione al  riguardo. Nigrisoli continuò dunque ad esercitare la chirurgia nella sua Casa di Cura, operando fino ai primi del 1941, mentre proseguì le sole visite  ambulatoriali fino all’età di 85 anni, quando cessò completamente l’esercizio professionale. Dopo la Liberazione gli fu proposta la  riassunzione in ruolo all’Università, che rifiutò.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Campus celebra i 12 docenti che non si piegarono al fascismo: "Libertà di espressione tema sempre attuale"

CesenaToday è in caricamento