Il calcio secondo Zaccheroni, da Berlusconi al Giappone: "Non allenerò più, voglio godermi Cesenatico"

L’allenatore di Cesenatico ha dissertato sul calcio sino a mezzanotte senza farsi pregare, e alla fine è saltata fuori una specie di doppio decalogo di 'sentenze'

Il calcio secondo Zac. Potrebbe essere questa la sintesi della serata organizzata dal Panathlon Club di Forlì venerdì sera (17 luglio), sulla terrazza del Grand Hotel di Cesenatico, con Alberto Zaccheroni nelle vesti di illustre ospite.

L’allenatore cesenaticense (malgrado sia nato a Meldola) ha dissertato sul calcio sino a mezzanotte senza farsi pregare, e alla fine è saltata fuori una specie di doppio decalogo di 'sentenze'.

"Nessuno può sapere come si gestisce un campionato così ristretto nei tempi dopo una pausa di oltre tre mesi. Non c’è mai stato nulla di simile nel passato. L’Atalanta è una fantastica realtà. È la formazione che meglio ha superato la fase del lockdown dovuto al Covid-19. Gasperini ha creato una squadra ancora più efficace della mia Udinese, capace di superare i 100 gol realizzati; non lo hanno fatto nemmeno le squadre di alto rango. I giocatori atalantini non corrono più degli altri, semplicemente sanno dove e quando correre. Il calcio senza pubblico non è più calcio. È un calcio anomalo, io da appassionato non mi sto divertendo. Il campionato è finito, la Juventus non può perdere, ha troppo vantaggio (anche se prende troppi gol").

"Sarri? Sta mediando, non sta più chiedendo nulla ai suoi giocatori, alcuni dei quali si “assentano” dalle partite anche per una ventina di minuti. I ruoli devono essere rispettati, ognuno ha le proprie responsabilità: sul piano tecnico deve decidere sempre e solo l’allenatore. Io sono abituato a dare del lei a tutti, tranne che ai calciatori. Ci si deve rispettare. Conte all’Inter? Ci si aspettava di più, specie dopo la ripresa del campionato. Colpa anche degli infortuni, certo, ma Conte ha perso un po’ della sua aggressività. Gli manca il pubblico, lui ha bisogno della presenza fisica degli spettatori, che lo carica emotivamente. E qui torniamo alla anomalia che già ho citato in precedenza. I grandi giocatori a fine carriera non si rendono conto di aver fatto il loro tempo. E diventano pericolosi per un allenatore che non li fa più giocare. Possono destabilizzare la squadra. In ogni squadra ci vuole uno zoccolo duro: due o tre giocatori che fungano da esempi positivi per tutti gli altri".

"I Presidenti? Vogliono entrare nelle scelte tecniche e non può esserci sintonia con l’allenatore in tali situazioni. Se non posso fare ciò che voglio, io me ne vado. L’esperienza in Giappone: quattro anni straordinari. Lì c’è rispetto, come in nessun’altra parte del mondo. Quando ho incontrato l’Imperatore eravamo in 2500. Ma lui a me ha dato la mano, qualcosa che non è mai accaduto prima. La gente, quando lo ha visto, si è messa a piangere. Ho fatto fatica a lasciare quel Paese: ho pianto tre giorni. Addirittura, una signora mi ha detto di aver dato al proprio figlioletto appena nato il nome Zac. Il calcio, in tutto questo, per me c’entra poco. Il Milan e Ibrahimovic: non c’è chiarezza nella società. Ibra è il presente ma in prospettiva futura non può costruire nulla. Perdere Maldini è molto negativo: non ho mai visto un uomo e un giocatore della sua portata. Professionista esemplare, positivo, disciplinato, legato alla squadra, ha grandi valori. Le partite sono vinte dai giocatori di qualità, non dagli allenatori".

"La mia più bella soddisfazione è stata aver portato l’Udinese al terzo posto in campionato, con un calcio innovativo che mi ha reso orgoglioso. Lo scudetto con il Milan mi ha dato più visibilità. L’esperienza di Cosenza ha qualcosa dell’incredibile: con 9 punti di penalizzazione ci siamo salvati e non so davvero come sia stato possibile.Sono diventato allenatore per caso. Un tecnico delle giovanili del Cesenatico diede improvvisamente le dimissioni. Io ero al campo per allenarmi, mi chiesero di dare un’occhiata ai ragazzi: da lì è iniziata la mia avventura. Non ho mai avuto un agente, per non correre il rischio di allenare giocatori seguiti dal mio stesso procuratore ed essere condizionato. Negli Emirati Arabi manca la passione per il calcio: le persone guardano le partite comodamente sedute sul divano di casa, mica vanno allo stadio. La Cina non è adatta al calcio: nelle squadre comandano i giocatori più carismatici e tutti i Club sono ricchissimi, quindi fare calciomercato è impossibile e così non si può crescere. I miei problemi con Berlusconi sono nati dopo la conquista dello scudetto. In una intervista il Presidente dichiarò di avermi suggerito di far giocare Boban; quando mi chiesero se fosse vero, io risposi con un laconico “non ricordo”. Da quel momento sono nati i nostri dissapori".  

"La mia prossima destinazione?  - conclude Zaccheroni - non allenerò più. Voglio godermi Cesenatico e la mia famiglia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Coronavirus, due nuovi positivi sul territorio cesenate. Un decesso in Romagna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento