Ide, le immagini scattate a Savignano in mostra al Copenhagen Photo Festival

Quella di Copenaghen è la prima esposizione del circuito. La prossima tappa di Ide sarà Amsterdam (dal 6 al 19 luglio). Poi seguiranno le mostre di Barbastro (Aragona, Spagna), in agosto e a Savignano sul Rubicone, al Si Fest 2020

Giovedì il "Copenhagen Foto Festival" ha inaugurato le mostre realizzate nell'ambito del progetto Ide - Reconstruction of identities che vede il Comune di Savignano sul Rubicone capofila di un partenariato europeo di cui fanno parte la spagnola Ad Hoc Gestión Cultural di Saragozza, l'olandese agenzia Noor Images di Amsterdam e il Copenhagen Photo Festival. Per la prima volta gli scatti di giovani e affermati fotografi, Katerina Buil, Marine Gastineau, Filippo Venturi, Sanne De Wilde realizzati a Savignano sul Rubicone, durante le residenze d’artista svoltesi nello scorso mese di settembre, sono esposte e visibili al pubblico. Fanno parte del progetto anche il reportage di Martin Thaulow, realizzato a Copenaghen e lungo la rotta balcanica dell’immigrazione, che dalla Siria al Kurdistan porta i profughi nel cuore dell’Europa, in cerca di una nuova vita.

L'inaugurazione, oper air, si è svolta in apertura del “CPF Celebrating Photography Day” e la mostra, a ingresso libero, sarà visitabile fino a metà luglio. I fotografi invitati a Savignano sul Rubicone hanno sviluppato ognuno un tema assegnato dalla direzione del progetto. Katerina Buil ha fotografato le “azdore” che vivono nelle zone rurali di Savignano sul Rubicone (Rio Salto, Fiumicino, San Giovanni in Compito); Marine Gastineau ha realizzato un reportage nella comunità senegalese di Savignano sul Rubicone, fotografie dall’atmosfera intimista che fanno trasparire le difficoltà di essere e di non essere nello stesso tempo parte di una comunità. Sanne De Wilde ha fotografato le persone “iconiche” che rappresentano la comunità di Savignano sul Rubicone a cominciare dal sindaco Filippo Giovannini, il cui ritratto in grande dimensione, emerge nell’allestimento di Copenaghen, per passare al comandante dei Carabinieri, della Polizia locale, al parroco, ai rappresentanti delle comunità senegalesi e islamiche del Rubicone, al presidente della squadra di calcio.

Il fotografo forlivese Filippo Venturi, incaricato dal Comune di Savignano sul Rubicone – "SI Fest" ha documentato le giornate di alcune donne profughe, rifugiate in casa famiglia dell’area del Rubicone, in fuga da situazioni estreme di povertà, di violenza, di persecuzione e in attesa di un permesso di soggiorno in grado di dare vita e speranza alle loro esistenze. La mostra è il risultato di una collaborazione di due anni tra quattro partner che lavorano con la fotografia e la cultura: Ad Hoc Gestion Cultural, il Comune di Savignano sul Rubicone – Si Fest, Fondazione Noor e Copenhagen Photo Festival; le fotografie esposte sono state realizzate a Savignano sul Rubicone dai fotografi in residenza.

Quella di Copenaghen è la prima esposizione del circuito. La prossima tappa di Ide sarà Amsterdam (dal 6 al 19 luglio). Poi seguiranno le mostre di Barbastro (Aragona, Spagna), in agosto e a Savignano sul Rubicone, al Si Fest 2020. “L'esposizione inaugurata ieri ci permette di toccare con mano la forza del progetto Ide – afferma il Giovannini -. Scorci di Savignano sono in mostra in una delle  principali capitali europee. La fotografia è una lingua che parla a tutti, e ci permette di creare connessioni, partecipazione e rapporti di amicizia nel mondo”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ide - Ricostruzione delle identità attraverso la fotografia

Ricostruire le identità attraverso la fotografia. È da questo ambizioso assunto iniziale che nasce Ide – Reconstruction of Identities, progetto che collega Savignano sul Rubicone a tre importanti città europee quali Copenaghen, Amsterdam e Saragozza. I soggetti coinvolti, differenziati per caratteristiche territoriali e tipologia, sono il Comune di Savignano sul Rubicone, che porta nel progetto l’esperienza del SI Fest, nato nel 1992 che arriverà nel settembre 2020 alla sua ventinovesima edizione; il Copenhagen Photo Festival (Cpf), nato nel 2010 e cresciuto fino a diventare il più grande festival di fotografia dei paesi scandinavi; la fondazione olandese Noor, che riunisce giornalisti, autori, fotografi, artisti e cineasti di tutto il mondo; l’agenzia di produzione culturale internazionale spagnola Ad hoc. Il progetto, finanziato dall’Unione europea sul bando Eacea 32/2017 del programma Europa creativa, ha durata biennale e sarà parte integrante anche del Si Fest 2020, dove verranno allestite delle mostre conclusive realizzate con immagini prodotte durante residenze e workshop.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta contro il guard rail in uscita dalla curva, il motociclista muore sul colpo

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, il bollettino di domenica: nuovi contagiati con sintomi

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

  • Il forte odore allarma i vicini, non dava notizie da 12 giorni: trovato morto in casa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento