rotate-mobile
Cronaca Verghereto

I ragazzi fanno gli educatori, i bambini si godono il camposcuola: "E' stata una bella esperienza"

“Ho trovato – spiega il parroco – qualche fragilità in più nei bambini, rispetto all’ultimo campo elementari che facemmo nel 2019. Più sbalzi di umore o paure varie, residuo di tutta l’esperienza covid"

Le parrocchie di Villachiaviche e Gattolino hanno vissuto insieme 4 giorni di camposcuola per i bambini dalla seconda alla quinta elementare, ad Alfero nei locali dell'ex asilo della parrocchia, con una sessantina di partecipanti. Una bella esperienza che è stata una naturale continuazione dell’esperienza del centro estivo, conclusasi appena 3 giorni prima della partenza. Alcuni ragazzi delle superiori hanno fatto gli educatori ai fratellini più piccoli. Ha guidato l’incontro dei bambini la figura di Carlo Acutis, dove il parroco ha mostrato le foto del corpo del giovane, che ha fatto lui stesso qualche anno fa recandosi ad Assisi appena il corpo venne esposto.

“Ho trovato – spiega il parroco – qualche fragilità in più nei bambini, rispetto all’ultimo campo elementari che facemmo nel 2019. Più sbalzi di umore o paure varie, residuo certo di tutta l’esperienza covid.  Ed è per questo che è urgente e necessario proporre queste cose: per dare occasioni di fede e preghiera prima di tutto; per far capire il gusto delle cose semplici. Per far apprezzare ai bambini la natura e il nostro territorio. Per aiutare i bambini a crescere e ad assumere un po’ di autonomia. Per abituare i genitori alla crescita dei loro figli e aiutarli a staccarsi un po’ da loro come dovrà avvenire in futuro (guai se non avverrà). Per aiutare i ragazzi adolescenti, che sono venuti a fare gli educatori, a prendersi cura dei più piccoli; aiutandoli a non fare tragedie per le piccole cose”.

Camminata al Cippo degli Alpini con messa campestre, camminata con Messa e caccia al Tesoro al Castel d’Alfero, bagno nel fiume Para, serate di giochi insieme tra cui la serata “Talent” (dove ogni bimbo si è esibito in un balletto, uno sketch, una barzelletta a proprio piacimento), servizio a tavola sono stati i punti fermi di questa esperienza. Un grazie a Lella che ha svolto la funzione di adulto d’appoggio al parroco, a Iride e Mirca e Patrizia per il valido servizio di cucina".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I ragazzi fanno gli educatori, i bambini si godono il camposcuola: "E' stata una bella esperienza"

CesenaToday è in caricamento