I millennial rispondono al richiamo di “eState attivi”: già 432 adesioni al progetto

Ai millennial cesenati piace la cittadinanza attiva e sono desiderosi di prenderne parte. A testimoniarlo le 432 adesioni finora arrivate per l’ottava edizione di “eState attivi 2017”

Ai millennial cesenati piace la cittadinanza attiva e sono desiderosi di prenderne parte. A testimoniarlo le 432 adesioni finora arrivate per l’ottava edizione di “eState attivi 2017”, l’iniziativa organizzata dal Comune di Cesena per promuovere ed incentivare l’impegno civile volontario dei giovani dai 16 ai 18 anni (ovvero nati negli anni 1999-2000-2001) con l’obiettivo di far conoscere la ricchezza e la varietà delle associazioni del territorio, coinvolgendo i ragazzi in attività utili alla comunità.
 
Sono 374 quelli che stanno svolgendo, o hanno già svolto, il loro turno di impegno in una delle attività proposte da “eState Attivi 2017”, mentre gli altri si preparano a farlo nei prossimi turni.
Ma, per chi fosse interessato, c’è ancora la possibilità di aderire: fino al 21 luglio, infatti, sono aperte le iscrizioni per gli ultimi due turni, che si svolgeranno, rispettivamente, dal  7 al 20 agosto e dal 21 agosto al 3 settembre. Il modulo di adesione può essere scaricato collegandosi a  www.informagiovanicesena.it, alla voce Estateattivi. Sullo stesso sito si può visionare l’elenco dei 42 progetti proposti dai 41 enti che hanno aderito quest’anno.
 
Molto vario il ventaglio delle proposte. Ad aprire le porte all’attività volontaria dei ragazzi ci sono in primis le attività dei centri estivi promossi da cooperative, enti, parrocchie e associazioni del territorio non solo comunale. Fra essi, alcuni con impostazioni particolari (ad esempio, educazione alla natura,  laboratori artistici, ecc.) e altri rivolti a ragazzi con bisogni speciali.
Ma c’è anche la possibilità di conoscere meglio la Rocca Malatestiana, collaborando con l’associazione Aidoru che si occupa della sua gestione. Innovativa la proposta che arriva dal Centro Soccorso Sub “R. Zocca”, che prevede il coinvolgimento dei ragazzi nel supporto alle attività della Guardia Costiera. Ma c’è anche la possibilità di lavorare con associazioni che realizzano spettacoli teatrali, mentre per chi vuole stare a contatto con la natura e imparare a prendersene cura c’è il progetto curato dall’Istituto Agrario di Cesena.
 
“Nel 2010, quando eState Attivi ha mosso i primi passi, – ricordano il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore allo Sviluppo Economico e Giovani Lorenzo Zammarchi – i partecipanti furono un centinaio; oggi sono più che quadruplicati, e contestualmente è aumentato il numero di enti coinvolti. In questi numeri leggiamo la conferma dell’interesse dei più giovani nello sperimentare nuove attività e cimentarsi nell’impegno civico, dimostrando disponibilità e senso di responsabilità e diventando a loro volta testimoni di valori importanti. Questa è una perfetta rappresentazione di quella che chiamiamo cittadinanza attiva”.
 
Come funziona “eState Attivi”
I ragazzi che aderiscono sono chiamati a svolgere la loro attività presso uno degli enti o delle associazioni coinvolte, per un periodo di 14 o 28 giorni, con un impegno massimo di 25 ore settimanali.
In cambio di tale impegno i giovani partecipanti riceveranno un buono per l’acquisto per libri, materiale scolastico o di cancelleria presso librerie e cartolibrerie convenzionate di Cesena.
Come si accennava sopra, le iscrizioni rimangono aperte fino al 21 luglio per partecipare alle attività previste nel 9°-10° turno, corrispondenti alle settimane 7 agosto-20 agosto e 21 agosto-3 settembre.
Nel caso in cui venissero presentate domande oltre le date indicate si valuterà la possibilità dell’inserimento in base ai posti rimasti liberi.
 
Per maggiori informazioni ci si può rivolgere all’ Informagiovani del Comune di Cesena.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento