menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I genitori dei liceali scrivono alle istituzioni: "Su riapertura scuole comunicazioni schizofreniche"

"I nostri figli, gli insegnanti, i dirigenti e i genitori, non meritano questo trattamento e una gestione della scuola superiore così poco rispettosa del lavoro educativo e didattico e del ruolo di docenti e studenti"

I genitori dei liceali cesenati hanno preso carta e penna per scrivere alle istituzioni, dal premier Giuseppe Conte al presidente della Regione Stefano Bonaccini, per manifestare il loro malcontento sullo slittamento della riapertura delle scuole a causa del proseguire della pandemia di Coronavirus. "Sono passati oltre sessanta giorni dalla nostra ultima missiva in cui chiedevamo il rientro a scuola, con la didattica in presenza almeno al 50% per tutti i 1500 studenti del territorio - spiegano. - Abbiamo atteso con pazienza il rientro a scuola dopo le vacanze natalizie, assistendo nelle ultime due settimane ad una comunicazione a dir poco schizofrenica: si torna al 75% dal 7 gennaio; anzi no, al 50%; anzi no, dall’11 gennaio; anzi no, dal 25 gennaio. Adesso basta! I nostri figli, gli insegnanti, i dirigenti e i genitori, non meritano questo trattamento e una gestione della scuola superiore così poco rispettosa del lavoro educativo e didattico e del ruolo di docenti e studenti".
 
"I nostri figli - ricordano - non mettono piede in classe da novembre, hanno passato anche metà dell’anno scolastico scorso a casa: non hanno frequentato la scuola per oltre centocinquanta giorni! Trascorrono oltre trenta ore alla settimana di fronte a uno schermo e molti di loro, soprattutto quelli già in difficoltà, non riescono a seguire il programma e stanno abbandonando. Stiamo facendo gravare le conseguenze della pandemia sulle spalle degli adolescenti anche in termini psicologici e le negative ripercussioni sul loro futuro ci preoccupano. Abbiamo visto i dati del contagio in crescita in Emilia Romagna, sappiamo che altre regioni hanno preso decisioni simili, così come altre nazioni d’Europa, ma crediamo ugualmente che la decisione giusta da prendere fosse un’altra: tornare a scuola. Tornare a scuola un giorno ogni due, ogni tre, anche ogni quattro, ma esserci. Dare un segnale di speranza ai ragazzi, un segnale di rispetto, di presa in carico delle loro esigenze e fatiche chiedendo responsabilità anche da parte loro.
 

"Il prefetto ha dato il suo assenso - concludono nella loro missiva - i trasporti sono stati potenziati, è stata imposta la regola della mascherina obbligatoria sempre. Ci sono le condizioni per ripartire, almeno in parte, con la scuola in presenza, l’unica vera scuola. E invece di nuovo si è scelto di prorogare l’apertura, per l’ennesima volta. Siamo amareggiati e delusi. La scuola non merita di essere trattata come se in fondo non fosse così rilevante e strategica: come sperare che i ragazzi la stimino se per primo chi governa la sminuisce? In qualche modo sono stati aperti bar, ristoranti, negozi, centri commerciali, ma non la scuola in presenza. L’aspetto educativo e culturale non può essere così sottovalutato rispetto alla ripresa economica. Ci aspettiamo decisioni più coraggiose e più lungimiranti, per il futuro dei nostri ragazzi e del nostro Paese".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Casa

Come eliminare l'odore del fumo in casa? Ecco tutti i segreti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento