I cimeli di Pantani rischiano l'asta, Cesenatico punta anche la grande biglia dell'A14

Con il fallimento della Mercatone Uno i preziosi cimeli rischiano di lasciare la Romagna. Il sindaco scrive ai commissari straordinari

Dopo le prese di posizione, gli appelli e gli inviti fatti anche dalla famiglia Pantani, il Sindaco di Cesenatico Matteo Gozzoli ha deciso di affrontare il 'caso cimeli'  inviando una lettera ai Commissari Straordinari del gruppo Mercatone Uno.

Il fallimento della nota azienda imolese, che per diversi anni ha sponsorizzato il mondo del ciclismo professionistico, raggiungendo l’apice sul finire degli anni ’90 insieme a Marco Pantani, ha coinvolto una serie di cimeli appartenuti al Pirata e prestati alla Fondazione Pezzi. I preziosi cimeli ora rischiano di essere venduti all’asta e di lasciare la Romagna.

Oltre ai cimeli desta interesse, soprattutto a Cesenatico, la grande biglia che, ormai da diversi anni, è installata di fronte alla sede societaria lungo l’A14.

“Ho ritenuto doveroso – spiega il Sindaco Matteo Gozzoli – contattare i Commissari Straordinari di Mercatone Uno – per un incontro istituzionale con cui approfondire la situazione e per capire se ci sono le condizioni affinché quegli oggetti possano essere trasferiti a Cesenatico dove c’è già un museo dedicato a Pantani gestito dalla famiglia. Capisco bene che si tratta di una situazione complessa e delicata – continua il Sindaco – tuttavia come primo cittadino di Cesenatico non potevo lasciare nulla di intentato, tanti cittadini e tifosi mi hanno espresso preoccupazione per la possibilità che i ricordi di Marco possano finire lontano dal suo paese natale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Inoltre un altro 'sogno' di tanti appassionati (me compreso) - prosegue Gozzoli - sarebbe far sì che la biglia potesse trovare collocazione a Cesenatico. Da questo punto di vista il Comune di Cesenatico potrebbe coordinare imprese e Associazioni del territorio per fare in modo che, in caso di vendita, quel manufatto non se ne vada chissà dove, ma arrivi a Cesenatico".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • Cresce la curva dei contagi, "focolaio" in un caseificio. Il Covid torna ad uccidere nel Cesenate

  • Titolare del chiosco e attrice, una cesenate protagonista in tv ai "Soliti ignoti"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento