menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I cesenati si prendono 'Carta Bianca': in due settimane partecipano quasi 3mila persone

Fra i progetti più gettonati la messa in sicurezza di via Vigo Ruffio, il progetto di educazione stradale della scuola ‘Bruno Munari’ e la riqualificazione del giardino Serravalle

In vista del rush finale, procedono col vento in poppa le operazioni di voto per le opere da inserire nel bilancio 2018: dopo due settimane sono già più di 2800 – di cui più di 1500 solo negli ultimi sette giorni - i  cesenati che hanno espresso la loro preferenza, scegliendo una fra le 95 opere in lizza, individuate sulla base delle proposte arrivate dai cittadini.

E anche se manca ancora una settimana al termine della consultazione (per votare ci sarà tempo fino a domenica 17 dicembre compresa), alcuni progetti sembrano aver spiccato il volo, grazie a un bottino di voti in tripla cifra.

In questa classifica provvisoria svetta il progetto di messa in sicurezza di via Vigo Ruffio a Case Castagnoli, nel quartiere Rubicone, che ha raccolto finora 247 preferenze, mentre al secondo posto, con 208 voti, c’è l’attuazione nel quartiere Cervese Sud del progetto "In cammino sulla buona strada", che comprende un percorso di educazione stradale, street art, una mappa del camminare lento, a cura delle classi quarte della scuola Bruno Munari.

Sul terzo gradino del podio si colloca, per il momento, la proposta di riqualificare il Parco di Serravalle, nel quartiere Centro Urbano, che finora a guadagnato 177 preferenze.

Al quarto posto, con 164 voti, si piazza un altro progetto riferito al quartiere Rubicone: si tratta del  potenziamento dell’illuminazione pubblica a Carpineta nell'area di via Castello.

Proseguendo nella graduatoria si incontra al quinto posto, con 143 preferenze, il potenziamento dell’illuminazione pubblica e la messa in sicurezza di via San Carlo (nel tratto compreso tra via San Mamante e via Giarze), nel quartiere Valle Savio; al settimo posto, con 126 voti, la proposta – relativa al quartiere Cervese Nord - di approntare una segnaletica dedicata alla Centuriazione Cesenate lungo il Decumano di via Melona; all’ottavo posto, con 124 voti, la realizzazione di un percorso pedonale e ciclabile e di una casina di legno nel giardino della scuola d'infanzia Marino Moretti, nel quartiere Oltresavio.

Chiudono questa ideale top ten la richiesta di un punto luce all’incrocio fra via Vetreto e via Capannaguzzo, nel quartiere Al Mare (90 voti) e, infine, l’estensione del progetto di videosorveglianza nell’area ex Zuccherificio (80 voti).

Da un punto di vista della partecipazione, il quartiere più attivo risulta essere il Rubicone, che per i suoi progetti ha incamerato complessivamente 438 voti. A seguire l’Oltresavio, con 402 voti complessivi, il Centro Urbano con 382 voti, il Valle Savio con 353 voti, il Cervese Sud con 311 voti.

 “Sappiamo che alcuni quartieri si sono organizzati per promuovere la massima partecipazione – riferiscono il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi – e ne siamo lieti, perché questo conferma che hanno compreso appieno il senso dell’iniziativa: come abbiamo affermato più volte, infatti, l’obiettivo di Carta Bianca è di coinvolgere direttamente il maggior numero di  cittadini nell’individuazione degli interventi prioritari per continuare a prenderci cura della nostra città e migliorarla. Senza dimenticare un aspetto non secondario: nonostante il budget a disposizione sia stato raddoppiato (arrivando a 2 milioni di euro), quest’anno, visto l’alto numero di progetti presentati, sarà impossibile finanziare tutte le opere e il numero di voti raccolti da ogni singolo progetto sarà determinante per stabilire se potrà essere realizzato o meno”.

Secondo il meccanismo di Carta Bianca, infatti, al termine della fase di voto verrà stilata una graduatoria, in cui entrerà di diritto il progetto più votato per ogni singolo quartiere. La graduatoria sarà poi completata con l’inserimento dei progetti che hanno ricevuto più preferenze, fino a esaurimento delle risorse. 

Si ricorda che possono partecipare al voto tutti i cesenati dai 14 anni in su e ogni cittadino può esprimere un solo voto. Per votare si può scegliere fra la modalità informatica (collegandosi al sito del Comune) o quella più tradizionale delle schede di carta, che si possono trovare sia nelle sedi di quartiere sia allo Sportello Facile del Comune, dove sono collocate anche le urne per la raccolta dei voti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento