Teatro Bonci, va in scena la prima nazionale di un classico dell'Opera cinese

La prestigiosa Compagnia dell'Opera di Pechino porterà "La Leggenda del Serpente Bianco" a Cesena

Una prima nazionale della Compagnia dell'Opera di Pechino al teatro A. Bonci di Cesena che sa quasi di evento storico. Dal cinque al sei gennaio la prestigiosa compagnia porterà in scena “La Leggenda del Serpente Bianco” in due momenti, sabato cinque, presso il foyer del teatro  alle ore 18 in “Conversando in Teatro” gli attori e le attrici della compagine daranno una dimostrazione pubblica dell'arte cinese di recitare con ospite Matteo Casari ad ingresso libero, mentre domenica sei alle ore 21 andra' in scena “La Leggenda del Serpente Bianco” che segna l'inizio del capodanno cinese.

Lo spettacolo durerà centoventi minuti e tutto l'allestimento e  i costumi sono di produzione cinese come pure le musiche, portate sul palco da diciotto musicisti, che avranno tonalità molto differenti da quelle occidentali, il tutto creerà un' atmosfera ipnotica – suggestiva al di fuori dei canoni del melodramma occidentale. La Compagnia dell'Opera di Pechino è una rappresentanza ufficiale del Ministero della Cultura della Repubblica Popolare Cinese ed è  composta da attori e musicisti che hanno frequentato fin da piccoli la durissima scuola di recitazione pechinese e dopo aver superato una selezione molto accurata sono poi diventati delle eccellenze in campo artistico, in scena domenica si potranno quindi ammirare protagonisti che vantano un curriculum dai tredici anni in su di applicazione.

“La Leggenda del Serpente Bianco” e' una delle opere più note e popolari della cultura cinese la cui origine si perde nel tempo, un po' come l'Odissea in occidente. Dapprima tramanda in forma  orale,   prende spunto da una storia senza tempo scritta e riscritta nei secoli, rimaneggiata ed interpretata in modi diversi e che ha ispirato molte opere teatrali. Gli spettatori troveranno in scena uno spettacolo uguale a quello rappresentato sui palcoscenici cinesi respirando anche la stessa aria in un succedersi di eventi, canti, balli aspetti marziali che, come affermano gli attori, porteranno le menti in un crescendo ipnotico – suggestivo veramente unico. 

“Questo evento – sottolinea Giuliano Barbolini, presidente di Ert Fondazione – consolida un rapporto di collaborazione con l'Opera di Pechino dopo la coproduzione del Faust di Goethe quattro anni fa e nella fattispecie la Leggenda del Serpente Bianco è l'unica rappresentazione portata in scena in Italia in questa stagione e la prima realizzata all'estero dalla compagne teatrale cinese”. “Il fatto di scegliere il  Bonci – continua Claudio Longhi, direttore di Ert Fondazione – è legato alla struttura del  teatro che è tra i migliori in Italia  per il melodramma e questo spettacolo ne è un aspetto. Con la rappresentazione continuiamo uno stretto legame con il mondo cinese che ci  permetterà di conoscerci meglio e nello stesso tempo portare all'estero la produzione europea”. 

“Il profondo rapporto culturale tra Italia e Cina – ha sostenuto Xu Rong, consigliera culturale dell'ambasciata cinese in Italia – è un fatto ben definito. Con questo spettacolo legato alla cultura popolare cinese vogliamo rinsaldare gli aspetti di conoscenza reciproca”. “La Compagnia Nazionale dell'Opera – ha detto Yu Kuizhi, attore dell'Opera di Pechino – venne fondata nel 1955 e l'obiettivo principale è lo scambio culturale con altri paesi. Fino ad oggi la troupes  si è esibita in oltre cinquanta nazioni e in cinque continenti”. Ovviamente particolarmente lieti per la scelta del teatro cesenate il vicesindaco Carlo Battistini e l'assessore alla cultura Christian Castorri che hanno evidenziato la vocazione internazionale del Bonci.  Per informazioni: Teatro A. Bonci, piazza Guidazzi- Cesena. Biglietteria 0547-355959, mail info@teatrobonci.it
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento