rotate-mobile
Cronaca

Gli studenti proiettati negli anni '60 e '70, in cortile si balla e si canta con le canzoni dei Beatles e di Elvis

Il cortile della scuola "Via della Resistenza", trasferita da mesi a Palazzo Marinelli, martedì mattina si è trasformato in un concerto rock tipo Woodstock

Il cortile della scuola "Via della Resistenza", trasferita da mesi a Palazzo Marinelli, martedì mattina si è trasformato in un concerto rock tipo Woodstock. Gli studenti, inizialmente stesi a sedere su teli, hanno ascoltato, cantato e ballato le musiche suonate dalla tribute band Beatles "Rangzen" di Rimini, capitanata da Claudio Cardelli. Al basso e alle tastiere i suoi figli: Francesco e Riccardo.

Gli stuedenti

L'evento, inusuale per una scuola secondaria di primo grado, ma che ha portato una ventata di gioia e novità tra i banchi, è nato all'interno del progetto didattico dal titolo "Yesterday, racconto di una musica senza tempo", pensato e realizzato dalle professoresse  Giovanna Raggi (italiano, storia e geografia), ed Elena Micali (musica), Andrea Zammarchi (musica) e Serenella Rocchi (inglese). In previsione del concerto agli studenti sono stati fatti vedere filmati degli anni Sessanta e Settanta, analizzando dal punto di vista storico la portata delle trasformazioni sociali e, dal punto di vista della musica, le novità che hanno segnato un'epoca. La band non ha solo suonato, ha accompagnato i brani con brevi ma efficaci spiegazioni per illustrare la storia del rock, dalle radici blues alla musica dei Beatles, non dimenticando il cantante soul Otis Redding, Elvis Presley, i Rolling Stones, per arrivare, infine, a Bob Dylan e David Bowie. Come in una grande festa, quando imparare è bello, facile e significa partecipare, anche gli studenti solitamente più timidi, trascinati dall'energia positiva degli operatori scolastici e del corpo docente, hanno prima ballato Elvis e poi cantato le canzoni dei Beatles.

Il concerto

Insomma una grande festa in onore di un pezzo di storia - gli anni Sessanta / Settanta - che per molti docenti ha rappresentato un background culturale importante mentre per i loro studenti è praticamente sconosciuto. Il miracolo di avvicinare due mondi così distanti poteva essere realizzato solo dalla magia della musica. E, infatti, così è stato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti proiettati negli anni '60 e '70, in cortile si balla e si canta con le canzoni dei Beatles e di Elvis

CesenaToday è in caricamento