rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca

Gli studenti del Righi diventano "cittadini attivi" e incontrano Dario Foa, sopravvissuto alle persecuzioni razziali

Momento culminante è stato senza dubbio l'incontro con Dario Foa, sopravvissuto alle  persecuzioni razziali che ha coinvolto, commosso e appassionato tutti i 1500 ragazzi  dell'Istituto

Al Liceo Scientifico Righi si sono svolte, da lunedì 24 a mercoledì 26 gennaio, le  giornate di "Cittadinanza attiva". 

Nelle prime due giornate, guidati dai Docenti del consiglio di Classe, i ragazzi hanno  fatto approfondimenti sulle più svariate tematiche legate alla cittadinanza, alla  consapevolezza, all'impegno individuale nella società e per la società. La terza giornata  è stata invece dedicata alla Cogestione a tema diritti umani organizzata dai  Rappresentanti di Istituto. In queste giornate, il Liceo si è aperto alla città e al mondo  con incontri capaci di lasciare il segno.  

Grazie alla collaborazione con l'Assessora Carmelina Labruzzo, diverse associazioni di  volontariato hanno presentato le loro attività permettendo ai ragazzi di vedere come e  quanto ci si possa mettere in gioco. Autori e docenti si sono alternati nello spiegare i  valori dei diritti umani, dell'antifascismo, dell'inclusione e della solidarietà.  

Momento culminante è stato senza dubbio l'incontro con Dario Foa, sopravvissuto alle  persecuzioni razziali che ha coinvolto, commosso e appassionato tutti i 1500 ragazzi  dell'Istituto. "La tradizione delle giornate di cittadinanza attiva - Spiega la Dirigente  scolastica Lorenza Prati - era già presente al Liceo prima che la materia Educazione  Civica diventasse curriculare. Questo perché la scuola vede da sempre come proprio  compito fondamentale quello di formare i cittadini e le cittadine di domani, di  permettere ai ragazzi di formare una mente critica e consapevole, capace di vivere nel  mondo e per il mondo. È un lavoro necessario e vitale, per cui non possiamo che essere  orgogliosi e farci cassa di risonanza dello straordinario messaggio che ci ha lanciato  Foa: non permettete che da nessuna parte, in nessuna situazione, si compiano delle  ingiustizie. Tutti i docenti, tutti gli alunni, tutti noi, vogliamo essere in prima linea per  creare un futuro migliore". Dopo tutte le riflessioni di questi giorni, i ragazzi hanno  creato dei documenti multimediali sui diritti umani in base alle proprie sensibilità e a  quello che li ha maggiormente colpiti. I documenti verranno pubblicati sul sito della  scuola e alcuni potranno in futuro diventare murales. Perché la scuola si vesta di diritti  umani. Non solo in queste giornate, ma sempre e per sempre".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti del Righi diventano "cittadini attivi" e incontrano Dario Foa, sopravvissuto alle persecuzioni razziali

CesenaToday è in caricamento