Gli esperti della Ficiesse insegnano come prevenire il crimine

L'Associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà ha incontrato oggi le classi quattro classi terze dell'istituto San Domenico di Cesena, per una speciale lezione sulla legalità. Dagli abusi di potere alla prevenzione delle truffe in rete

foto repertorio

Esperti di “Ficiesse" l'Associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà, Francesco Scarlino e Antonio Losapio, in passato in servizio presso il Comando della Guardia di Finanza di Bologna e del Comando di Forlì, hanno incontrato oggi le classi quattro classi terze dell’istituto San Domenico di Cesena, per una speciale lezione sulla legalità.

Tra i temi trattati c'è l'inquadramento Legge Regionale Emilia Romagna 9 Maggio 2011 n. 3, “l’affermazione della cultura della legalità, prevenzione del crimine organizzato e mafioso e agli abusi di potere, anche attraverso l’uso dei beni confiscati. Spazio alla promozione della convivenza civile e della cittadinanza, delle pari opportunità, dei diritti e dei doveri, delle differenze culturali etniche. Una società aperta e multiculturale dove diversità siano una risorsa. Infine attenzione a una maggiore attenzione verso problematiche che riguardano gli anziani e il rapporto con le nuove generazioni. Ma anche educazione alla legalità fiscale, e alcuni consigli utili per evitare alcune truffe, nell’utilizzo della rete internet. Tutti temi interessanti e di attualità.

L’associazione Ficiesse, attraverso la sezione di Bologna, già da alcuni anni si sta dedicando all’attività di divulgazione dei principi di legalità, di giustizia e di equità fiscale, contribuendo a diffondere tra i cittadini una moderna coscienza legale e  fiscale. Tutto ciò attraverso  molteplici incontri avvenuti, già in passato, con studenti delle scuole medie e delle superiori nelle varie province Emiliano Romagnole.

“Ai cittadini in erba di oggi, potenziali futuri dirigenti di un domani non tanto lontano – commenta Scarlino – viene illustrata l’importanza di una società civile che, assegnandosi delle regole, sia in grado di rispettarle e trasmetterle  come patrimonio etico di uno Stato moderno, condizione indispensabile per raggiungere quelle finalità di organizzazione e di tutela della vita associata, di ordine, di sviluppo sociale ed economico. L’assenza di regole condivise ed in special modo del rispetto delle medesime – prosegue l’esponente di Ficiesse- rischia non solo di creare una condizione di disuguaglianza sociale tra cittadini, ma anche di ridurre i tassi di crescita sociale ed economica”.

"Gli studenti - sottolinea - prestano la massima attenzione a questi particolari argomenti, che di solito non sono inseriti nei programmi scolastici. “Ai giovani -conclude Scarlino  e il suo collega Losapio, bisogna far capire che coloro che non rispettano le regole non sono furbi ma cattivi cittadini  che sottragono spazi di libertà e risorse alla collettività”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’esperienza - conclude - è sicuramente encomiabile. Acquista valore per le nobili finalità che l’associazione Finanzieri Cittadini e Solidarietà persegue. Lavorare sulla promozione della cultura della legalità significa porre le basi per la costruzione di un futuro migliore. Un plauso all’associazione Ficiesse  per l’impegno profuso”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento