rotate-mobile
Domenica, 29 Maggio 2022
Cronaca

Gli artisti trattano il tema del “monumento” alla memoria, attesa per la posa delle pietre d'inciampo

Alle ore 16.30, nella Sala Sozzi del Palazzo del Ridotto si terrà l’incontro “le pietre della della memoria” organizzato da ALI agenzia per il lavoro immateriale nell’ambito del progetto “Memoria della memoria”

Sale l'attesa per “Le pietre della memoria”. Il progetto "Materiale resistente_Memoria della memoria", promosso da ALI, agenzia per il lavoro immateriale con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e di una rete di Comuni incluso il Comune di Cesena-Assessorato alla Cultura, ha individuato una rosa di artiste e artisti che attraverso linguaggi propri si mettono in dialogo con la storia del Novecento e trattano in chiave contemporanea il tema del “monumento” alla memoria. 

"In accordo con il Comune di Cesena - spiegano - abbiamo raccolto l’occasione della posa di nove Stolpersteine per riportare in sede pubblica alcune riflessioni che hanno nutrito il progetto. L’urgenza della memoria della resistenza al nazifascismo, delle deportazioni, dei sacrifici in vite umane perdute negli anni della lotta di liberazione si è tradotto nel dopoguerra in cippi, lapidi, sculture, percorsi, memoriali su tutto il territorio della Regione. Accade però che quando ci muoviamo in quei luoghi ci accorgiamo spesso che il trascorrere del tempo ha avuto un effetto di cancellazione e che gli elementi materiali, i monumenti che ne dovrebbero tramandare la memoria sono diventati elementi ordinari del paesaggio. La caratteristica distintiva di Stolpersteine, rispetto a qualunque altro monumento dedicato all’Olocausto, è quella di creare – esattamente nello stesso luogo in cui abitò la vittima dello sterminio dei nazisti e dei loro alleati – quella che allo stesso tempo rappresenta una commemorazione personale e un invito alla riflessione. Il modello di intervento Gunter Demnig è un esempio chiaro della potenza dell’arte: l’artista sposta il concetto di monumento su quello di esperienza e realizza con il proprio progetto la possibilità di attivare una dinamica di partecipazione e di confronto diretto". 

Questo il programma della giornata: mercoledì 19 gennaio la posa delle pietre avverrà alle ore 15 in Piazza del Popolo alla presenza del Sindaco Enzo Lattuca, dell’Assessore Carlo Verona, del Rabbino capo della comunità ebraica di Ferrara, rav Luciano Meir Caro, e di tutti i cittadini che vorranno prendervi parte. Alle ore 16.30, nella Sala Sozzi del Palazzo del Ridotto si terrà l’incontro “le pietre della della memoria” organizzato da ALI agenzia per il lavoro immateriale nell’ambito del progetto “Memoria della memoria” parte di Memoria del 900 Regione Emilia-Romagna assessorato Cultura e Paesaggio. Interverranno: Francesca Druetti, autrice con Benedetta Rinaldi del volume “Le pietre della memoria” (edizioni People, 2020). Gino Gianuizzi, docente presso l’Accademia di belle arti di Bologna ideatore e coordinatore del progetto “Memoria della memoria” insieme con Isabella Bordoni e Valentina D’Accardi illustreranno il progetto “Memoria della memoria”. Per prendere parte all’evento è consigliata la prenotazione: prenotazioni@comune.cesena.fc.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli artisti trattano il tema del “monumento” alla memoria, attesa per la posa delle pietre d'inciampo

CesenaToday è in caricamento