Lotta al Covid, gli arbitri cesenati scendono in campo a sostegno del Bufalini

Un piccolo gesto destinato ad aiutare chi, era ed è tutt’ora in prima linea a combattere un nemico invisibile

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CesenaToday

Con una lettera di ringraziamento, la dirigenza dell’azienda ospedaliera cesenate ha voluto esprimere il proprio sentimento di gratitudine verso gli associati della sezione arbitri cesenate della FIGC che, su impulso del Presidente Alberto Arienti e del Consiglio Direttivo, hanno deciso di supportare il nosocomio cittadino nel momento di maggior virulenza dell’epidemia. La raccolta effettuata è il frutto del contributo sezionale al quale si sono aggiunte le numerose donazioni di associati e delle loro famiglie.

Un piccolo gesto destinato ad aiutare chi, nei momenti di maggior criticità, era ed è tutt’ora in prima linea a combattere 24 ore su 24 un nemico invisibile che a distanza di mesi miete ancora vittime. Tra i tanti effetti collaterali provocati dall’emergenza sanitaria c’è anche la sospensione di tutte le attività sportive tra le quali il calcio, linfa vitale per gli arbitri. Ma la vita continua, la scorsa settimana ha preso il via un nuovo corso arbitri, al momento tenuto in modalità remota al pari delle lezioni scolastiche, che si concluderà a febbraio 2021 con la prova di esame. Le iscrizioni sono tutt’ora aperte, chi fosse interessato può scrivere a cesena@aia-figc.it o inviare un messaggio Whatsapp a Marco, responsabile del corso, al numero 393 558 8375. Nella foto il Presidente Arienti con la sua squadra di Consiglieri e collaboratori.

Torna su
CesenaToday è in caricamento