Scomparsa il 27 marzo, il messaggio di Giuseppina: "Non cercatemi, porto guai"

"Non cercatemi, porto guai. Pensa ai tuoi figli". Poche parole, quelle scritte da Giuseppina Garoia, la 52enne scomparsa pochi giorni prima delle festività pasquali dal posto di lavoro di Forlì

"Non cercatemi, porto guai. Pensa ai tuoi figli". Poche parole, quelle scritte da Giuseppina Garoia, la 52enne scomparsa pochi giorni prima delle festività pasquali dal posto di lavoro di Forlì. Il messaggio è stato trovato nel cruscotto della sua auto, una "Fiat Multipla", trovata nei giorni scorsi nei pressi della stazione ferroviaria di Ancona. Sull'episodio indagano gli agenti della Squadra Mobile di Forlì, alla guida del dirigente Claudio Cagnini.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli investigatori hanno visionato le immagini delle telecamere di videosorveglianza, che hanno catturato l'istante in cui Giuseppina si avviava verso la stazione. La donna è stata vista inizialmente ad Aosta, dove ha dormito nella nottata tra il 28 e il 29 marzo in un albergo. Le ultime tracce (primo aprile) portano insomma alla stazione di Ancona. Non è chiaro però se Giuseppina abbia preso un treno verso una nuova destinazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento