Cronaca Bagno di Romagna

Giro d'Italia a Bagno, Confcommercio: "Sia tutta la Romagna in rosa"

"Ora in vetrina c’è la valle del Savio, così come a ottobre sarà la volta di Cesena con l’arrivo del Papa - ricordano da Confcommercio -. Ogni occasione è propizia per crescere e fare diventare gli eventi risorsa del territorio"

Una valle in rosa, anzi di più: tutta la Romagna in rosa. "Quello che sta già succedendo a Bagno di Romagna e San Piero in Bagno, con le vetrine dei negozi e gli arredi urbani allestiti col marchio e i colori emblema del Giro d’Italia, sarebbe bello si estendesse nel poco meno di un mese che ci separa dal 17 maggio, gran giorno della tappa del Giro, a tutta la Valsavio e alla Romagna intera". Lo affermano il presidente di Confcommercio Valle del Savio Emiliano Rossi e il presidente Confcommercio cesenate Corrado Augusto Patrignani.

"L’arrivo della tappa in quello straordinario scenario naturale che è la Valle del Savio e dei laghi sta diventando un fatto di popolo – rimarcano i presidenti - e Confcommercio lo reputa un altro avvenimento identitario per il rafforzamento del brand Romagna e dell’offerta turistica integrata del nostro territorio. Come nel 2016 la Notte del liscio ha portato la Romagna in vetrina, così quest’anno il 17 maggio andrà in tv, nei media e sui giornali non semplicemente Bagno di Romagna ma tutto un territorio coeso e integrato, di cui la valle del Savio rappresenta un punto di forza e attrattività: la Romagna intera. Quella Romagna che ancora non riusciamo a far decollare come marchio e come brand a causa del permanere di visioni troppo particolariste e municipaliste".

"Confcommercio - proseguono Patrignani e Rossi - ha da tempo sposato la causa dei progetti che possono rilanciare dal punto di vista ambientale ed economico la nostra Valle e rimarca in ogni circostanza che la forza del nostro territorio nasce dalla sua coesione: non esistono la riviera a sé, l’entroterra a sé, la montagna a sé, i borghi artistici a sé, esiste la Romagna con i suoi assi da calare. Presi singolarmente, i siti sono meno competitivi, occorre un gioco di squadra che speriamo parta in grande stile con il nuovo organismo di promozione turistica Destinazione Romagna. Ora in vetrina c’è la valle del Savio, così come a ottobre sarà la volta di Cesena con l’arrivo del Papa: ogni occasione è propizia per crescere e fare diventare gli eventi risorsa del territorio”.

“Per questo noi due presidenti - continuano - siamo andati a trovare il sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini, meritoriamente impegnato a far diventare l’occasione del 17 maggio un’opportunità di promozione straordinaria e insieme abbiamo indossata la maglia rosa. Per rimarcare che tutta Confcommercio Imprese per l’Italia, dai lidi marittimi all’entroterra alla varie valli, è insieme alla Valsavio. Il gran premio della montagna per questo territorio è procedere uniti e integrati, remando nella stessa direzione: ad esempio quella dell’aeroporto della Romagna, che farebbe comodo a tutti, anche al turismo collinare. Ben vengano dunque tutti i progetti per rilanciare la valle dei laghi, la via dei Romei, il cicloturismo, il turismo enogastronomico e ambientale. Chi ne ha attitudine e capacità si adoperi per intercettare i fondi e immettere la Valsavio e la Romagna nei circuiti che meritano. Per arrivare al traguardo in maglia rosa, come la Romagna merita, se si tirerà tutti insieme la volata”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giro d'Italia a Bagno, Confcommercio: "Sia tutta la Romagna in rosa"

CesenaToday è in caricamento