menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giorno della Memoria, si ricordano i 300mila bambini "diversi" vittime del Nazismo

Domenica mattina, “Giorno della Memoria”, c'è stato un minuto di raccoglimento per tutte le vittime del Nazismo ed in particolare per gli oltre trecentomila bambini, considerati “diversi”

Domenica mattina, “Giorno della Memoria”, c'è stato un minuto di raccoglimento per tutte le vittime del Nazismo ed in particolare per gli oltre trecentomila bambini, considerati “diversi” uccisi in ospedali e campi di concentramento germanici prima e durante l'ultima guerra. Un folto numero di persone, genitori con   ragazzi e ragazze diversamente abili hanno assistito alla cerimonia di ricordo che si è tenuta all'interno della mostra allestita presso il centro commerciale Montefiore e che illustra, attraverso trentun pannelli e un audiovisivo,  gli anni del calvario dei bimbi cosiddetti “diversi” in Germania e nei paesi occupati dagli eserciti hitleriani.

L'esposizione è stata organizzata dall' Anffas (Associazione  Famiglie  con disabilita' e/o relazionale) con la partecipazione del Comune di Cesena e dell' Anpi (Associazione Nazionale Partigiani d'Italia). Nel 1933 nella Germania hitleriana si diede il via al programma di eutanasia delle persone disabili con il nome in codice “Aktion T4”. Fu un grande assassinio di massa di oltre trecentomila bambini, purtroppo le cifre del massacro non potranno mai essere quantificate esattamente, e a loro si aggiunsero adulti innocenti, tutto nel nome della “pura razza Ariana”. Durante il conflitto il progetto venne esteso anche agli  adulti “rei” di essere omosessuali, alcolizzati, disabili, politici, prigionieri di guerra facendo di conseguenza lievitare il numero degli assassinati a cifre molto elevate. Nelle parole dell'assessore Simona Benedetti il monito a non dimenticare questi bambini e tutte le altre vittime: “Sacrificati – ha continuato l'assessore – nel nome della razza pura. Un assurdo che non ha assolutamente riscontro. Dobbiamo vigilare perchè questo non succeda più ed è importante che sia stata istituita questa giornata di memoria per far si che che quello che avvenne, non molto tempo fa, non cada nell'oblio”.  

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento