Gioco d'azzardo, i comuni rilasceranno il marchio regionale "Slot Free-R"

o stabilisce una delibera di Giunta sul "Piano integrato per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio di dipendenza dal gioco patologico 2014-2016"

La Regione definirà il logo “Slot freE-R”, ma saranno i Comuni, su delega della Regione stessa, il punto di riferimento sia per la pubblicazione che per il rilascio del marchio. Lo stabilisce una delibera di Giunta sul "Piano integrato per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio di dipendenza dal gioco patologico 2014-2016" (ai sensi della L.r. 5/2014) approvata all’unanimità dalla commissione Politiche per la salute e politiche sociali, presieduta da Monica Donini.

Le dichiarazioni di adesione per il rilascio del marchio regionale destinato agli esercizi liberi da slot machine dovranno, in base alla modifica apportata, essere inoltrate al Comune sul cui territorio viene esercitata l’attività e lo stesso curerà l’istruttoria e il rilascio del logo. I Comuni terranno inoltre aggiornato un pubblico elenco (inserito anche nelle pagine web dell’Ente) degli esercizi che possono fregiarsi del marchio regionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Viene prevista una verifica annuale ai fini del mantenimento del marchio attraverso un controllo sul sito web di Aams, eventualmente supportata da un sopralluogo in loco della polizia municipale. Il possesso del marchio (come già definito nella precedente delibera) costituirà prerequisito per l’ottenimento di forme di valorizzazione e eventuali incentivazioni di carattere economico da parte del Comune sul cui territorio viene esercitata l’attività.   A favore del provvedimento si è espressa Silva Noè (Udc): la consigliera ha auspicato maggiori controlli sulla riconoscibilità delle macchinette, in considerazione del fatto che “il gioco illegale è nettamente superiore a quello legale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Colto da un infarto sull'E45: sbatte contro il new jersey e muore

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento