Gambettola, regolamento di polizia urbana: botti e petardi vietati a Capodanno

Per i trasgressori è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria di 100 euro (salvo che il fatto non costituisca reato).

L’amministrazione comunale di Gambettola conferma anche per quest'anno di voler promuovere un divertimento consapevole durante la giornata di Capodanno. Il sindaco Roberto Sanulli e il vice-sindaco con delega alla Polizia Municipale, Eugenio Battistini, informano i cittadini che il Regolamento Comunale di polizia urbana di Gambettola vieta l’utilizzo di petardi e di materiale pirotecnico. Il Regolamento di polizia urbana, vieta infatti su tutto il territorio comunale di Gambettola, nei luoghi pubblici, e negli spazi privati aperti al pubblico, di usare botti e petardi nonché l’uso molesto e/o fastidioso di bombolette spray schiumogene, pruriginose e coloranti. Per i trasgressori è prevista una sanzione amministrativa pecuniaria di 100 euro (salvo che il fatto non costituisca reato).

"Si tratta di una scelta condivisa già negli anni scorsi con altri sindaci dell’Unione Rubicone e Mare, ritenuta opportuna anche a seguito degli stimoli e dalle richieste pervenute da molti cittadini sensibili su questo fenomeno, che spesso degenera o travalica il limite del buon senso - precisano il sindaco Roberto Sanulli e il vice-Sindaco Eugenio Battistini -. Lo scopo del provvedimento è quello di tutelare l’incolumità pubblica ed in particolare quella dei ragazzi che fanno uso dei petardi, che ogni anno provocano centinaia di infortuni sul territorio nazionale, oltreché di stimolare una sensibilizzazione ad un divertimento consapevole per festeggiare l’avvento del nuovo anno, evitando il più possibile incidenti potenzialmente anche gravi. Con questa provvedimento si vuole anche tutelare la salute e la tranquillità della comunità da comportamenti che possono arrecare danni o determinare eccessivo disagio a persone o animali. Ci riferiamo in particolare ad alcune fasce della popolazione, tra cui neonati, bambini e anziani, che soffrono l’effetto degli scoppi dei petardi. Inoltre, particolare attenzione vuole essere rivolta ai nostri amici animali, che sappiamo essere terrorizzati dalle esplosioni".

"Infine occorre rammentare anche la necessità di tutelare il nostro ambiente, che sempre più spesso risente di condizioni climatiche di prolungata siccità, che creano problemi di superamento dei livelli di polveri sottili (Pm10) - concludono -. Limitare l’apporto di fumi nell’atmosfera, è un’ulteriore priorità in chiave preventiva, e utilizzare botti e petardi con sobrietà, può contribuire a limitare il carico di polveri sottili nell’aria, con maggior tutela della salute dei cittadini, concludono gli amministratori gambettolesi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento