Gambettola, definita la variante generale al Regolamento Urbanistico Edilizio

Si compie così un altro importante passo verso l’aggiornamento degli strumenti urbanistici del Comune, in linea con le indicazioni contenute nella nuova Legge Regionale sull’Urbanistica di prossima approvazione

 Dopo appena sette mesi dall’adozione, nel prossimo consiglio comunale del 30 novembre, verrà portata in approvazione la Variante Generale al Rue (Regolamento Urbanistico Edilizio). Si compie così un altro importante passo verso l’aggiornamento degli strumenti urbanistici del Comune, in linea con le indicazioni contenute nella nuova Legge Regionale sull’Urbanistica di prossima approvazione. "La definizione della Variante Generale al Rue - dichiarano il sindaco Roberto Sanulli e l’assessore all’Urbanistica Luigi Battaglia - è frutto di un partecipato confronto che ha coinvolto la commissione consiliare, i cittadini, gli imprenditori, i tecnici e le associazioni di categoria con l’obiettivo di fare di Gambettola una città sempre più vivibile per i cittadini e attraente per le imprese. A tutti coloro che hanno collaborato va il nostro ringraziamento".

Negli ultimi mesi sono state raccolte le osservazioni da parte dei privati cittadini e degli enti preposti (Provincia, Arpae, Ausl), che non hanno evidenziato particolari elementi di criticità in merito alle scelte di pianificazione proposte in sede di adozione. L’amministrazione comunale ha accolto le osservazioni migliorative e, laddove possibile, è stata pronta a specificare meglio la portata e i contenuti delle varianti introdotte. “Abbiamo concretizzato un percorso di semplificazione normativa, volto a fornire a cittadini e imprenditori strumenti più comprensibili e utilizzabili - continuano sindaco e assessore -. In particolare con la Variante al Rue 1 favoriamo la rigenerazione diffusa del nostro territorio, con incentivi per interventi di risparmio energetico e di prevenzione del rischio sismico, facilitiamo interventi di riuso e rigenerazione urbana per le aree soggette ad abbandono o a sottoutilizzo".

Inoltre "introduciamo elementi di razionalizzazione degli interventi ammessi nel centro storico inseriamo elementi di rinaturalizzazione in territorio agricolo attraverso meccanismi incentivanti. Perseguiamo obiettivi di qualità urbana, ecologica e ambientale, definendo limitazioni all’apertura di nuove strutture commerciali alimentari nel territorio più densamente edificato”. “Abbiamo riservato massima attenzione alle nostre imprese- proseguono Sanulli e Battaglia -. introducendo semplificazioni e incentivazioni, in particolare abbiamo introdotto la norma che agevola i cambi d’uso per le attività con concreti sgravi economici e quella che favorisce l’insediamento del commercio al dettaglio all’interno degli immobili produttivi e artigianali”.

“Avevamo fissato l’obiettivo della definitiva approvazione entro quest’anno - concludono sindaco e assessore -. Obiettivo raggiunto grazie al lavoro di squadra coordinato dal Responsabile Assetto del Territorio, architetto Marcello Bernardi. Auspichiamo che il “nuovo” Rue fornisca le risposte per cui è stato pensato, in attesa che si compia un’altra tappa fondamentale per il nostro territorio, l’approvazione della nuova Legge Urbanistica Regionale, che si pone come obiettivo fondamentale il consumo del territorio a saldo zero, che vuol dire favorire sempre di più il riuso e la rigenerazione del suolo già edificato”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

Torna su
CesenaToday è in caricamento