Galà al Bonci per l'Irst: oltre 9mila euro per la lotta contro i tumori

Una nuova strategia terapeutica che riduce l’impatto della malattia sulla vita delle pazienti e il peso economico sul Sistema sanitario nazionale.

Musica, emozioni e solidarietà sono stati gli ingredienti del quarto Galà natalizio, organizzato dai Club Service di Cesena a favore dell’Istituto Tumori della Romagna - Irst Irccs, che si è svolto con grande successo e partecipazione lo scorso lunedì al Teatro Bonci. A rendere magica la serata hanno contribuito i talentuosi musicisti dell’orchestra del Conservatorio “Maderna” diretti dal Maestro Giorgio Babbini. Uno straordinario connubio tra musica e generosità che ha permesso di raccogliere oltre 9mila euro da destinare alla ricerca contro i tumori dell’Istituto meldolese, in particolare al progetto Iart di Giovanni Paganelli, Direttore della Medicina Nucleare Irst Irccs.

Un successo che Irst Irccs desidera evidenziare porgendo un doveroso ringraziamento ai sette club service di Cesena – Agora, Ladies’ Circle, Lions, Panathlon, Rotaract, Rotary, Round Table – e alle associazioni di promozione culturale “Amici del Monte”, “Amici della musica” e “Amici della Biblioteca Malatestiana” che per il quarto anno si sono prodigati per un prezioso risultato. Naturalmente insieme a loro, un plauso di cuore va a tutti gli sponsor e donatori – Banca di Cesena, Columbus, Conscoop, Montalti Multienergy, Italiana Assicurazioni, Silcea, Sorma, Gruppo Trevi, Romagna Iniziative e con loro AB Communication, Ferretti Consulting, Stilgraf, Radio Studio Delta e TeleRomagna – al Comune di Cesena e all’Ausl di Cesena che hanno gentilmente patrocinato l’evento.

Se nelle prime due edizioni il ricavato dei Galà musicali è stato destinato al sostegno dell’Oncoematologia Irst di Cesena e l’anno scorso alla ricerca contro il glioblastoma, i proventi del ricavato 2014 saranno indirizzati a sostenere il Progetto Iart, una nuova metodica sperimentale ideata da Fiovanni Paganelli per il trattamento post-operatorio del tumore al seno. L’obiettivo della ricerca è quello di avere un’alternativa egualmente efficace ai lunghi periodi di radioterapia a cui una paziente deve attualmente sottoporsi dopo l’intervento. La tecnica Iartconsiste in una semplice iniezione locale di specifici farmaci radioattivi abbinata ad una singola seduta di radioterapia. Una nuova strategia terapeutica che riduce l’impatto della malattia sulla vita delle pazienti e il peso economico sul Sistema sanitario nazionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento