Cronaca

Gal L'Altra Romagna lancia un bando per gli enti pubblici dell'Appennino

I Comuni del cesenate interessati sono:  Bagno di Romagna, Borghi, Mercato Saraceno, Montiano, Roncofreddo, Sarsina,  Sogliano al Rubicone e Verghereto

All’interno del Piano di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Regione Emilia Romagna,  il Gal L’Altra Romagna pubblica il bando “Strutture per servizi pubblici”- seconda edizione che stanzia 861.115,00 euro di risorse. 

I beneficiari del finanziamento sono i Comuni/Enti pubblici (singoli ed associati),  compresi nell’area di competenza del Gal L’Altra Romagna all’interno delle  Provincia di Forlì-Cesena e Ravenna nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale  della Regione Emilia Romagna 2014-2020. 

I Comuni del cesenate interessati sono:  Bagno di Romagna, Borghi, Mercato Saraceno, Montiano, Roncofreddo, Sarsina,  Sogliano al Rubicone e Verghereto. 

L’obiettivo del bando è contribuire allo sviluppo socio economico locale  supportando innovazioni di prodotto, servizio, processo, metodo, sociali, anche  attraverso l’ammodernamento del patrimonio immobiliare locale attraverso cui  sostenere la creazione, miglioramento e qualificazione di servizi (pubblici, sociali,  culturali, ecc.) e l’occupazione. 

Il bando prevede interventi volti al recupero/ampliamento ed alla valorizzazione di  fabbricati pubblici e relative aree di pertinenza di importanza storica ed  architettonica, da destinare a servizi pubblici o attività artistiche, culturali, educative  e naturalistiche, al fine di rendere un territorio maggiormente attraente per la  popolazione e per i turisti.

Tra le spese ammissibili figurano: interventi di ristrutturazione, risanamento conservativo, ampliamento ed  adeguamento, secondo le categorie di intervento ammesse dagli strumenti  urbanistici per le tipologie di immobili e strutture oggetto di finanziamento, da  destinare alle finalità indicate nel bando;  attrezzature e strumentazioni meccaniche strettamente connesse al recupero  dei manufatti edilizi e di arredo delle aree pertinenziali quando di valenza  funzionale, storica o documentale nel limite massimo del 10% delle spese  ammissibili;  sistemazione, adeguamento e miglioramento delle aree esterne di stretta  pertinenza degli immobili oggetto di intervento, limitatamente agli interventi  necessari a rendere idoneo e fruibile l’immobile;7 spese generali nel limite massimo del 10% delle spese ammissibili.  
“Con questa seconda edizione del bando, che succede a quella già pubblicata tra fine  2017 ed inizio 2018, - dichiara il Presidente Bruno Biserni - rinnoviamo il nostro  impegno a favore delle attività degli enti pubblici del nostro Appennino”. 

“Questo bando contribuisce all’attivazione e alla realizzazione di nuove attività  sociali, culturali, ricreative, educative, e in generale nel supportare con i nostri mezzi  il servizio pubblico, sempre più spesso correlato all’esigenza di avere spazi idonei,  edifici sicuri e confortevoli per rendere maggiormente attrattivo il proprio territorio”.

“L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, è anche emergenza economica e sociale;  siamo fiduciosi -conclude il Presidente- che con questo bando, si possa davvero  contribuire a sostenere concretamente la popolazione e gli stakeholder  dell’Appennino romagnolo, grazie alla capacità strategica e progettuale degli enti  pubblici territoriali”.

Il sostegno, in forma di contributo in conto capitale, sarà pari al 100% della  spesa ammissibile, quest’ ultima rientrante in determinati categorie di massimali. 

Il bando è consultabile su sito www.altraromagna.it e rimarrà pubblicato fino al 31  marzo 2021, data entro la quale dovranno pervenire le domande. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gal L'Altra Romagna lancia un bando per gli enti pubblici dell'Appennino

CesenaToday è in caricamento