Cronaca

Dal Brasile direttamente sulla nostra tavola: un cesenate coltiva la prelibata "couve manteiga"

A Cesena siamo fortunati perché per assaggiarla non dobbiamo andare in Brasile, terra in cui è nata e viene coltivata, ma, grazie alla produzione avviata dall'agronomo cesenate Gabriele Evangelisti, si può comprare in città

La forma è quella di un cavolo anche se le foglie sembrano bietola, ma la couve manteiga è un ortaggio con una personalità molto ben definita e, soprattutto, proprietà benefiche, anche farmaceutiche, da posizionarlo sul podio dei superfood. A Cesena siamo molto fortunati perché per assaggiarla non dobbiamo andare in Brasile, terra in cui è nata e viene coltivata, ma, grazie alla produzione avviata dall'agronomo cesenate Gabriele Evangelisti, si può comprare in vari negozi in città e cucinarla come meglio si crede: cruda con olio e limone, saltata con speck, come contorno, o centrifugata per ottenere succhi energetici e disintossicante. 

Da un anno, infatti, Evangelisti (che ha un'azienda di famiglia e una piazzola al Mercato Ortofrutticolo di Cesena) ha iniziato a coltivarla ai piedi delle colline cesenati e, visto il successo che sta ottenendo, con richieste di acquisto da tutta Italia, ha deciso di lanciare il marchio europeo "Covì" (la salute in foglie) e da mezzo ettaro di coltivazione è passato a due ettari. 

"Ho capito subito che il microclima locale era ideale - spiega Evangelisti - e ora che ho gli esiti dei primi raccolti posso dire che la couve manteiga romagnola è di ottima qualità. L'unico problema è che ormai non sto più dietro alle richieste". La produzione cesenate, infatti, è l'unica non solo in Italia ma anche in Europa. "Esiste un'altra coltivazione di couve manteiga in Portogallo ma non è pura come la mia, è un incrocio con un cavolo". Anche la rete di vendita sta crescendo esponenzialmente. "Non mi va di darla in mano alla grande distribuzione, preferisco i piccoli rivenditori - spiega Evangelisti - Io la vendo a rivenditori di Bologna, Ravenna, Forlì, Rimini e Cesena. Vengono anche da Pavia ad acquistarla. Ma quello a cui punto adesso è potenziare la vendita capillare, andando anche in città come Milano e Roma. Tra poco diventerà attivo un sito e-commerce e riuscirò a spedirla ovunque con tempi brevissimi".

Un'altra forza dell'ortaggio è che si mantiene bene. "Anche coltivarla non è difficilissimo - conclude Gabriele Evangelisti - io ho scelto la via biologica, anche se non è ancora certificata, perché combatto i normali parassiti delle cavolaie con il bacillus thuringiensis". Il prezzo? Dai 3 euro e 50 ai 4 euro a mazzo, ovvero per mezzo chilo. E con un mezzo chilo ci si possono fare tanti buoni piatti. Ma Gabriele non si è fermato alla couve manteiga, da qualche mese ha messo in produzione altre verdure del Brasile, ma che sono originarie dell'Africa. "Ho importato i semi del Quiabo (in Italia chiamato okra o combo) e di solanum gilo, due verdure molto gustose e con ottime proprietà vitaminiche. Presto capirò se possono funzionare anche qui". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal Brasile direttamente sulla nostra tavola: un cesenate coltiva la prelibata "couve manteiga"

CesenaToday è in caricamento