Cronaca

Furto sventato col controllo di vicinato, l'appello: "Anche Cesena metta la segnaletica"

I cittadini del Quartiere Cesuola si organizzano con un gruppo di sicurezza partecipata, tramite un gruppo di Whatsapp. Ed è così che riescono anche a sventare i furti, in una logica quindi di prevenzione

I cittadini del Quartiere Cesuola si organizzano con un gruppo di sicurezza partecipata, tramite un gruppo di Whatsapp. Ed è così che riescono anche a sventare i furti, in una logica quindi di prevenzione che risulta efficace. A farlo sapere è Luca Pieri, residente nel quartiere: “I residenti del Quartiere sono sempre più attenti alle dinamiche riguardanti la sicurezza pubblica. Purtroppo nel nostro comune sono sempre più frequenti i casi di furti, tentati furti e atti vandalici e il senso
di insicurezza è crescente. E’ proprio a causa di questa sensazione (che non dipende da un problema di percezione, come qualcuno voleva far intendere) che un pugno di cittadini residenti nel Quartiere Cesuola ha deciso di fare squadra creando un “gruppo di sorveglianza”: nulla di formale; i cittadini tornano semplicemente a fare quello che si faceva un tempo, ovvero sorvegliare insieme il proprio vicinato, e avvertirsi tra loro, questa volta grazie a mezzi moderni quali Whatsapp o il cellulare”.

E' stata così creata una chat di gruppo di WhatsApp nella quale viene segnalato ciò che è ritenuto essere sospetto. Ovviamente, qualora si stiano verificando reati, alla segnalazione sulla chat segue quella alle autorità alle quali spetta l’intervento diretto. Spiega Pieri: “Questa esperienza sta portando piccoli, ma significativi frutti. Qualche settimana fa è stato sventato un furto in Via Bagnolini: una persona alle ore 20 circa stava cercando di intrufolarsi in un cortile ed è
scappato a bordo di un’Audi scura con altri uomini a bordo, messi in fuga dalle urla di vicini e passanti che si erano resi conto della situazione sospetta”.
 
Continuano dal quartiere Cesuola: “Quest'esperienza si ispira sicuramente al sempre più diffuso fenomeno dei "gruppi di sorveglianza" di quartiere che si stanno diffondendo a Cesena e in altri comuni limitrofi. In particolare questo fenomeno risulta molto più strutturato e coordinato con le forze dell'ordine in comuni come quello di Cesenatico o Ravenna, dove sono impiegate apposite segnaletiche indicanti la presenza della sorveglianza di quartiere e in alcuni casi create apposite task - force anti degrado. Al momento la nostra amministrazione ha preso qualche provvedimento ma riguardante solo il centro storico e le sole ore diurne; forse un po’ poco per la situazione nella quale ci troviamo. La speranza è quella di poter vedere introdotte questo tipo di segnaletiche anche nei nostri quartieri e di poter usufruire dello stesso coordinamento tra gruppi di sorveglianza e forze dell'ordine, una su tutte la Polizia Municipale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto sventato col controllo di vicinato, l'appello: "Anche Cesena metta la segnaletica"

CesenaToday è in caricamento