Sfonda vetri di auto a ripetizione per rubare: arrestato dai carabinieri

Il malvivente ha tentato una fuga, terminata alcune centinaia di metri dopo, quando i carabinieri lo hanno bloccato, non senza fatica, a causa della sua resistenza

Ladro colto in azione e acciuffato dai carabinieri mentre si trovava a bordo dell'ennesima auto vandalizzata: è terminato con le manette il raid di un malvivente che nella notte tra mercoledì e giovedì ha danneggiato in pochi minuti quattro auto in sosta, una dietro l'altra. Il suo modus operandi era molto “spiccio”: con un piccolo masso mandava in frantumi i vetri delle auto e poi si appropriava di quel poco che trovava nell'abitacolo. Bottino magro, danni tanti, senso di insicurezza per i cittadini che si ritrovano le auto parcheggiate danneggiate ancora di più.

Il suo raid è finito con la cella del carcere della Rocca di Forlì. Intorno a mezzanotte, alcuni residenti di via Zuccherificio hanno chiamato il 112 segnalando ai carabinieri della compagnia di Cesena la presenza di un personaggio sospetto in strada, e soprattutto rumori anomali descritti come tonfi. Sul posto si è portata la pattuglia del Radiomobile, il cui personale, vedendo subito il disastro di vetri e auto danneggiate, capisce immediatamente cosa sta accadendo. E sorprende il ladro ancora a bordo dell'ultimo veicolo, alle prese col tentativo di asportare il navigatore satellitare.

Il malvivente non si è dato per vinto e ha tentato una fuga, terminata alcune centinaia di metri dopo, quando i carabinieri lo hanno bloccato, non senza fatica, a causa della sua resistenza. Nella colluttazione un carabiniere è caduto a terra e si è procurato lievi ferite ad una spalla, giudicate guaribili in 5 giorni. Alla fine il ladro è stato arrestato. Si tratta di un clandestino, senza dimora (è noto alle forze dell'ordine che vive in ricoveri di fortuna), marocchino di 43 anni. Lo scorso novembre era stato arrestato sempre dai carabinieri e sempre per questioni collegate ai furti.

Alla fine sono stati riscontrati notevoli danni a ben 4 veicoli in sosta. La refurtiva è stata riconsegnata, ma per sistemare i vetri i proprietari delle vetture dovranno spendere diverse centinaia di euro, se non coperti da assicurazione. Il marocchino è stato quindi processato per direttissima. Dopo la convalida dell'arresto è stata disposta la custodia in carcere fino al processo fissato per il 21 marzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il tir va troppo piano e insospettisce la polizia stradale, multato "furbetto" del cronotachigrafo

  • E45, in 5 in auto multati dalla Polizia stradale. 26 sanzioni anche per gli amici che arrivano in caserma

  • Ondata di furti nella notte, l'intera frazione sotto choc: sottosopra una decina di case

  • Cosa si può fare in 'zona arancione'? Le faq con le risposte a tutte le domande

  • Coronavirus, 100 nuovi positivi nel Cesenate. Si piangono altre 5 anziane vittime

  • Emilia Romagna a rischio zona rossa automatica, Bonaccini frena: "Quel limite non passerà"

Torna su
CesenaToday è in caricamento