In Cattedrale l'addio a Lanfranco Morganti, "Un grande commerciante"

"Non è solo un lutto privato e personale personale, ma cittadino", afferma Corrado Augusto Patrignani, presidente Confcommercio cesenate

Lanfranco Morganti nel 2000, con la moglie Fernanda, il giorno dell’inaugurazione della bottega in via Fra Michelino

Saranno celebrati giovedì mattina, alle 10, nella cattedrale di Cesena, i funerali dello storico commerciale e dirigente di Confcommercio Lanfranco Morganti, scomparso all'età di 82 anni. "Non è solo un lutto privato e personale personale, ma cittadino - afferma Corrado Augusto Patrignani, presidente Confcommercio cesenate -. E' stato grande commerciante e grande dirigente di associazione fino all'ultimo, a pochi giorni fa. Morganti e la sua famiglia hanno dato lustro alla città attraverso il commercio. Suo padre Leopoldo Federico aveva avviato la bottega in via Fra Michelino nel 1927, Lanfranco lo aveva poi affiancato imparando il mestiere e nel 1971 insieme alla moglie Fernanda si era messo in proprio aprendo la Smar, il primo supermercato cittadino".

"Nel 2000 aveva chiuso il cerchio di una bellissima carriera riaprendo la bottega nel luogo in cui l’aveva avuta il padre, un negozio di generi alimentari fornitissimo e con prodotti di prima qualità con folta e affezionata clientela - ricorda ancora Patrignani -. Vengono in mente le botteghe di alimentari della cesena di un tempo, di Morganti, Antonioli, Novelli: dove si lavoravano i prodotti alimentari venduti e sembra di risentire la fragranza di quegli aromi e di quei profumi che uscivano nelle strade. Che nostalgia".

"Morganti ha dato tanto anche alla Confcommercio - prosegue il commosso intervento del presidente dell'associazione cesenate -. E’ stato presidente cesenate negli anni Ottanta, stagione di grande crescita per Confcommercio, è stato anche presidente nazionale alimentaristi Fida,. vicepresdiente nazionale e ha continuato a servire l’associazione guidando con maestria il sindacato territoriale 50&Più. Era generoso e molto capace nel tenere le relazioni".

Patrignani torna poi "al Morganti commerciante: ha fatto parte di una stirpe di antichi commercianti a cui le nostre città saranno eternamente debitori. Al lutto umano, che ci addolora profondamente perché Lanfranco era un caro amico, si accompagna il lutto commerciale della bottega vuota che auspichiamo possa essere rilevata  mantenendo il prestigioso nome, un marchio d’eccellenza per Cesena.  Nel 2012 Confcommercio dedicò una mostra alle vecchie botteghe della Cesena che fu passato, pilastro della nostra vita comunitaria e della coesione sociale, che ancora resistono in certa parte, ed erano il fiore all'occhiello della rete distributiva. Ecco: quella di Morganti fa parte di una galleria di attività storiche  del commercio al dettaglio di cui siamo orgogliosi e che la città dovrebbe trovare il modo di onorare pubblicamente con qualcosa che resti nel tempo".

morganti-2
Nella foto l'ultima apparizione pubblica alla camminata Insieme organizzata da Confcommercio cesenate e 50& con il presidente Confcommercio cesenate Augusto Patrignani, il direttore Giorgio Piastra e il vicedirettore Alberto Pesci.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Il virus si 'conferma', il Cesenate ha i numeri migliori ma prosegue la scia di morti

Torna su
CesenaToday è in caricamento