menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fumata bianca tra Procura e avvocati: gli uffici riaprono le porte ai legali

E' fumata bianca tra avvocati e Procura della Repubblica dopo un vertice ai massimi livelli che si è tenuto negli uffici giudiziari giovedì mattina

E' fumata bianca tra avvocati e Procura della Repubblica dopo un vertice ai massimi livelli che si è tenuto negli uffici giudiziari giovedì mattina. Gli avvocati sono reduci da una lunga astensione dalle udienze per protestare contro la scelta della Procura di chiudere le porte ai legali, istituendo un unico “ufficio copie” come front office per i legali. Una scelta che, però, secondo i legali rallenta i tempi, comprime il diritto di difesa e soprattutto non permette agli avvocati di svolgere il loro ruolo appieno. Il procuratore capo Sergio Sottani, da parte sua, ha opposto le ragioni della scarsità di personale, gravemente sotto organico, e le esigenze di riservatezza dei fascicoli coperti dal segreto investigativo.

Il muro contro muro è andato avanti per due settimane, con lo sciopero delle udienze da parte dell'avvocatura. Giovedì mattina si sono ritrovati il procuratore Sottani, il procuratore generale della Corte d'Appello di Bologna Ignazio De Francisci e il presidente del Consiglio Nazionale Forense, Andrea Mascherin. L'incontro è stato proficuo, con una soluzione che gli avvocati, per bocca di Roberto Roccari, giudicano “soddisfacente”. Al termine dell'ispezione ministeriale in corso, il 2 dicembre, le porte della Procura torneranno aperte per alcune ore della giornata, secondo un protocollo da condividere. Gli avvocati da parte loro terminano venerdì la loro agitazione e dalla prossima settimana riprendono regolarmente le udienze.

La vicenda era stata messa sotto i riflettori nazionali, contribuendo così a spingere verso una veloce soluzione, anche grazie ad un intervento del deputato forlivese Marco Di Maio, che aveva presentato un'interrogazione parlamentare su questo contrasto in corso ed ora in via di risoluzione. Di Maio nel testo ricordava al ministro che è "imminente l’avvio del programma di nuove assunzioni in attuazione del decreto-legge del 30 giugno 2016, che prevede l’assunzione di mille unità di personale amministrativo non dirigenziale a tempo indeterminato da inserire nei tribunali italiani” e per questo ha chiesto ad Andrea Orlando e ai suoi sottosegretari di attivarsi per affrontare il problema, così risolvendo, almeno in parte, il grave nodo del personale della Procura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento