Fotovoltaico, si allontana il potenziamento della rete elettrica

Se nel febbraio scorso l'assessore alle attività produttive Giancarlo Muzzarelli annunciava un potenziamento della rete elettrica in Valle del Savio, oggi vengono spenti gli entusiasmi

Luca Bartolini

Se nel febbraio scorso l'assessore alle attività produttive Giancarlo Muzzarelli annunciava un potenziamento della rete elettrica in Valle del Savio, oggi - in risposta ad un'interrogazione di Luca Bartolini (Pdl) - l'assessore regionale spegne gli entusiasmi. “E a questo punto la rete della valle potrebbe saturarsi e molte richieste di impianti, per lo più fotovoltaici, potrebbero non vedersi riconoscere l'allacciamento alla rete", sottolinea il consigliere regionale Luca Bartolini.

Infatti, nella risposta all'interrogazione si spiega che “è previsto che l'aumento di potenza dei trasformatori sia condizionato alla realizzazione di impianti per la Rete di trasmissione nazionale, che in questo caso si limitano alla soluzione semplice, ovvero alla realizzazione della stazione di sezionamento a 132 kv, alla quale ricollegare gli elettrodotti di alta tensione esistenti e la cabina primaria di Quarto; non sono previsti rinforzi o nuovi elettrodotti". Nel giugno scorso Enel ha comunicato a Terna di procedere comunque all'ampliamento della cabina primaria di Quarto e alla connessione degli impianti di produzione subordinati, “successivamente saranno eseguite le attività a carico di Enel".

“Ma nel frattempo il rischio è di bloccare gli investimenti nella vallata - evidenzia Luca Bartolini - anche se questi interventi non sono compito della Regione, l'Assessorato alle attività produttive, al piano energetico e all'economia verde, dovrebbe sollecitare Enel e Terna ad adeguare al più presto e in maniera soddisfacente la cabina di Quarto. Analoga  sollecitazione sara' mio impegno farlo anche al Ministero competente. Nell'area d'influenza della cabina primaria di Quarto di Sarsina ricadono richieste di connessione per impianti di produzione di energia elettrica per circa 30 MW - fa presente il consigliere regionale - dei quali circa 17 sono stati oggi attivati, e ai quali bisogna aggiungere ulteriori 4 MW di produzione attiva della centrale idroelettrica. Quindi mancano all'appello oltre dieci MW e il problema dell'adeguamento della cabina primaria si protrae da oltre un anno - conclude Luca Bartolini - con il rischio di congelare futuri investimenti e di sprecare importanti opportunità di lavoro nel territorio".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento