Forza Italia chiede chiarimenti dopo il servizio delle Iene: "Risposta sbianchettata"

Non ci sta proprio il consigliere regionale Andrea Galli, nonché capogruppo di Forza Italia, a vedersi completamente “sbianchettata” una sua interrogazione

Non ci sta proprio il consigliere regionale Andrea Galli, nonché capogruppo di Forza Italia, a vedersi completamente “sbianchettata” una sua interrogazione riguardo la casa Famiglia “Il Sorriso” di Montiano nei cui confronti si sta occupando il tribunale forlivese riguardo a presunti maltrattamenti. Prendendo le mosse anche da un recente servizio delle Iene dove venivano ribadite le accuse anche attraverso testimonianze, il consigliere regionale si è trovato fra le mani la sua richiesta di chiarimenti totalmente priva di qualsiasi riferimenti personali in nome della privacy e quindi resa monca dei contenuti più importanti.

A questo proposito, affiancato da due avvocati Catia Pichierri e Paolo Camporini dell'associazione "Rete sociale", ha denunciato pubblicamente l'operato dell'amministrazione regionale in una conferenza stampa dove non  erano rappresentanti di Forza Italia del cesenate. “Credo che qui si sia interpretata in forma restrittiva la normativa sulla privacy – ha detto il capogruppo di Forza Italia -  chiedevo chiarimenti riguardo la casa famiglia oggetto anche di indagini giornalistiche televisive, ma debbo notare che la regione preferisce rimanere latitante sbianchettando parole come 'casa famiglia' e 'minore'”. “Le problematiche   e l'operato di queste forme di assistenza - sostiene Andrea Galli – andrebbero maggiormente controllate nella loro trasparenza, cosa che al momento non avviene. E questi non sono solo problemi regionali, ma abbracciano tutti  gli istituti analoghi presenti in Italia. Non dobbiamo dimenticare che lo Stato elargisce per il sostentamento personale  novanta euro al giorno”.

Alle parole di Andrea Galli hanno fatto eco i due avvocati dell'associazione che denunciano una situazione insostenibile non solo per le famiglie che si vedono sottratti i figli in base anche a situazioni non sempre chiare, ma  per i minori che non ricevono l'assistenza e l'educazione necessaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento