menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Foreste casentinesi, oltre 3 milioni di euro per la sostenibilità: la mappa degli interventi

"Sono particolarmente soddisfatto di poter riversare risorse sul territorio che attivino investimenti in grado di sostenere il piano verso la sostenibilità dei nostri territori"

Il Parco nazionale Foreste casentinesi, monte Falterona e Campigna destinatario di 3.172.263 euro da parte del ministero dell'ambiente.

Con comunicazione del 15 gennaio scorso il Ministero ha portato a conoscenza dell'ente di gestione del Parco nazionale dell'approvazione, all'interno del programma “Parchi per il clima” 2020, delle sue proposte per la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici.

Gli interventi si riferiscono alla riqualificazione dei corsi d’acqua e alla mitigazione del rischio idrogeologico: per 239.547 euro nel comprensorio del Bidente di Campigna, delle Celle e di Giumella, nel comune di Premilcuore e per 146.400 euro nell'area del Molino delle Cortine, nel comune di Bagno di Romagna.

Il piano di ripristino dell' area umida della Gorga Nera, nel complesso forestale Alpe San Benedetto, godrà di un finanziamento di 99.078 euro. Sono state inoltre sostenute azioni per l'efficientamento energetico del centro visite di Castagno D’Andrea per 167.484  e 155.240 euro.

Si potrà procedere all'efficientamento energetico anche della scuole elementari e medie di Badia Prataglia, godendo di un contributo di 176.950 euro.

"Verso il cuore del Parco", rafforzamento del programma per l'accessibilità e la mobilità sostenibile all'interno dell'area protetta, è stato finanziato per ulteriori 450.000 euro.

 Sono poi previsti 72.924 per il mantenimento e la gestione del vivaio di Rincine e due lotti di interventi di gestione selvicolturale, per 81.023  e 253.277 euro.

La ricostruzione e il restauro ecologico di aree forestali ha visto il finaziamento per 466.860; interventi selvicolturali per 363.477 euro. L'ultima voce finanziata è l'ampliamento e il rafforzamento del vivaio di forestale Cerreta di Camaldoli, per 500.000 euro.

"Sono particolarmente soddisfatto di poter riversare risorse sul territorio che attivino investimenti in grado di sostenere il piano verso la sostenibilità dei nostri territori. La conservazione del patrimonio che ci è stato tramandato e la sua valorizzazione economica è la principale risorsa di sviluppo di questa terra di cerniera tra Toscana e Romagna che contiene luoghi di valore e bellezza unici al mondo". Il commento di Luca Santini, presidente del Parco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento