menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fondo di sostegno allo sport: sono oltre 850 i bimbi "poveri"

Lo ha ricordato l'assessore ai Servizi per le Persone Simona Benedetti, rispondendo in occasione del consiglio comunale riunitosi giovedì all'interpellanza del consigliere Vittorio Valletta di "Cesena Siamo Noi"

Sono oltre 850 i bambini poveri a Cesena. Lo ha ricordato l'assessore ai Servizi per le Persone Simona Benedetti, rispondendo in occasione del consiglio comunale riunitosi giovedì all’interpellanza del consigliere Vittorio Valletta di "Cesena Siamo Noi" riguardo al fondo di sostegno allo sport per famiglie con disagio economico. Benedetti ha aggiornato "sullo stato dell’arte di un fondo che, insieme ad altre risorse, ci permette di sostenere alcuni fra gli oltre 850 bambini poveri della nostra città, e che si sta costituendo anche grazie alla sensibilità di tanti cesenati".

"I bambini destinatari di tale misura sono coloro in grado di praticare una attività sportiva fra gli oltre 850 minori che vivono sotto la soglia di povertà e sono quotidianamente seguiti dai servizi sociali e dal volontariato cittadino - ha specificato l'assessore ai Servizi per le Persone -. In particolare, i nuclei familiari destinatari di tali contributi saranno individuati tra le famiglie già in carico ai servizi sociali attraverso l'attività istruttoria degli assistenti sociali, secondo le modalità previste nel vigente Codice delle norme regolamentari per i servizi sociali, socio-sanitari e socio-abitativi. Allo stato attuale, i servizi stanno provvedendo alla definizione dell’accertamento delle entrate (in particolare per quel che attiene le donazioni liberali da privati), che concorreranno alla costituzione del fondo medesimo, visto che ancora non tutto è stato versato".

"Contestualmente, le assistenti sociali stanno provvedendo al completamento delle istruttorie, attualmente già in corso, propedeutiche al versamento effettivo dei contributi  ha aggiunto Benedetti -. La realizzazione delle istruttorie, naturalmente, prevede la condivisione con le famiglie delle loro istanze relative all’avvio delle attività sportive da parte dei bambini, così come lo stimolo a fare in modo che ciò accada. Come previsto nel Piano degli obiettivi, contiamo di concludere le operazioni entro l'anno 2016".

L’attività, ha precisato l'assessore, "è certamente coerente anche con l’impegno previsto nella citata mozione approvata dal Consiglio comunale del 9 ottobre 2014, in cui veniva richiesto di “prevedere un fondo di sostegno allo sport finalizzato a coprire parzialmente il costo della quota di accesso ai servizi sportivi proposti dalle associazioni sportive senza fine di lucro che bambini e ragazzi appartenenti a famiglie con accertate difficoltà finanziarie dovrebbero sostenere”".

"In realtà, non è detto che la copertura delle spese sostenute dalle famiglie potrà essere solo parziale: dipenderà dalle possibilità residue di queste famiglie, già in carico ai servizi, di provvedere autonomamente, seppure in parte, che non possono considerarsi scontate. La copertura, quindi potrà essere in alcuni casi anche totale - ha concluso -. L'obiettivo restano sempre i bambini e la possibilità per tutti di crescere godendo dei medesimi diritti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento