Fondi in arrivo: al via le azioni per la pesca e l'acquacoltura

"Gli incontri nelle marinerie hanno avuto luogo già dall’anno scorso; incontri che, a mio avviso, sono stati utili sia nella definizione della strategia locale sia nella divulgazione degli intenti del nostro territorio", commenta l'assessore Valentina Montalti

Si sono conclusi in questi giorni gli incontri nelle marinerie della Costa dell’Emilia-Romagna dove Delta 2000 insieme ai rappresentanti della associazioni del Flag (Fisheries Local Action Group) della Costa ha incontrato gli operatori del settore ittico, della pesca sportiva, degli operatori della ristorazione e del turismo, nonché i rappresentanti istituzionali dei comuni dell’area Flag, per presentare le azioni che verranno attuate dal Flag nei prossimi mesi grazie ai 5.000.000 di euro assegnati  per la realizzazione della strategia e 273.000 euro per le attività di cooperazione, derivanti dal Feamp - Fondo Europeo per gli Affari Marittimi e la Pesca. Il principale strumento di sostegno alla nuova Politica Comune della Pesca che ha la finalità di migliorare la sostenibilità sociale, economica e ambientale dei mari e delle coste in Europa sostenendo i progetti locali, le aziende e le comunità in loco.

"Gli incontri nelle marinerie hanno avuto luogo già dall’anno scorso; incontri che, a mio avviso, sono stati utili sia nella definizione della strategia locale sia nella divulgazione degli intenti del nostro territorio - commenta l'assessore Valentina Montalti -; appuntamenti questi che hanno contribuito alla programmazione dei bandi futuriche saranno rivolti agli Enti Pubblici, agli operatori dei settori ittici, alle imprese, alle Università, ai Centri di Ricerca e alle Associazioni e ai privati. La divulgazione degli obiettivi del Flag e dei bandi è una parte fondamentale per la riuscita della stessa strategia. Ringraziamo quindi tutte le persone che hanno partecipato, le Associazioni di Categoria, i membri di Delta 2000 e ci auspichiamo che si possa trarre il massimo giovamento per  tutto il territorio”.

Tra gli interventi previsti, quelli destinati allo sviluppo locale delle aree di pesca e acquacoltura vengono realizzati attraverso i Flag (Fisheries Local Action Group). A tal fine, il territorio della costa emiliano-romagnola si è organizzato e riconosciuto dalla Regione Emilia-Romanga nell’unico “Flag Costa dell’Emilia-Romagna” per l’intero territorio della Regione Emilia-Romagna, con una strategia unitaria e condivisa per lo sviluppo del settore della pesca e dell’acquacoltura da Goro fino a Cattolica, passando per i Comuni di Comacchio, Cervia, Ravenna, Cesenatico, Bellaria, Rimini, Riccione, Misano. Durante gli incontri si è parlato di qualificazione delle marinerie e delle produzioni ittiche, sia della pesca che dell’acquacoltura,per aumentarne la competitività territoriale, incrementare la redditività dei pescatori e degli acquacoltori, salvaguardare la biodiversità marina e lagunare, contribuire al mantenimento e creazione di nuovi posti di lavoro nelle zone di pesca e acquacoltura, sostenendo anche processi di diversificazione. Questi infatti sono gli obiettivi della strategia del Flag che si articola attorno ai concetti chiave: qualità, valore aggiunto, conoscenza. 

Per il raggiungimento della qualificazione delle fasi della filiera per aumentare competitività e qualità delle produzione, verranno realizzati interventi di progettazione e riqualificazione sia dei luoghi di sbarco e imbarco sia di qualificazione delle produzioni e i luoghi in cui si svolge l’attività dell’operatore ittico, anche attraverso interventi rivolti all’ammodernamento delle imbarcazioni da pesca e delle attrezzature per la pesca e l’acquacoltura. Sono previsti inoltre interventi di diversificazione dei prodotti e delle attività verso ittiturismo, pesca sportiva e ricreativa e altre attività complementari. La tutela dei luoghi in cui le risorse marine si riproducono e si sviluppano è fondamentale per la qualità e la sicurezza dei prodotti: non mancheranno quindi interventi per il miglioramento degli habitat marini e lagunari per salvaguardare la biodiversità nelle aree di pesca e lagunari.  Una serie di azioni e interventi di informazione sono rivolte a diffondere la conoscenza sulle opportunità offerte dal mondo della pesca, integrare pesca turismo e cultura delle marinerie ma anche sostenere la creazione di reti tra il mondo della ricerca e gli operatori del settore pubblico e privato.

Oltre ad interventi di promozione dei prodotti ittici e delle marinerie cercando di incentivare la realizzazione di eventi ed azioni che integrino sempre più la pesca al turismo e alle tradizioni e alla cultura delle marinerie dell’adriatico. Non ultimo saranno inoltre realizzati azioni di cooperazione con altre realtà europee e nazionali per scambiarsi buone prassi e esperienze tra diverse aree di produzione. Le azioni verranno realizzate attraverso bandi pubblici, interventi a regia diretta del Flag e convenzioni con soggetti pubblici attuatori. I bandi saranno pubblicati a partire dal 2018.

Flag 2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento