Finanziamenti regionali, i consiglieri: "Sosteniamo i professionisti nella formazione"

La formazione rivolta ai professionisti è al centro dell’interrogazione che vede prima firmataria la consigliera regionale Manuela Rontini, insieme ai colleghi Luca Sabattini e Lia Montalti

La formazione rivolta ai professionisti è al centro dell’interrogazione che vede prima firmataria la consigliera regionale Manuela Rontini, insieme ai colleghi Luca Sabattini e Lia Montalti, per chiedere alla giunta se, nel prossimo bando di finanziamento dei progetti per la formazione, ritiene utile, inserire un capitolo esplicitamente dedicato ai professionisti superando il problema generato dai codici Ateco.

"L’attuale normativa prevede dei limiti alla formazione dei professionisti – spiegano i consiglieri –, in quanto circoscrive l’attività all’interno di filiere e settori di attività ben definiti. Questo limite, diventa ancora più esplicito in fase di presentazione del progetto formativo sulla piattaforma della Regione dedicata alla formazione, dove viene richiesto il codice di attività Ateco. A tutto questo, si aggiunge il fatto che i fondi europei che finanziano la misura sono relativi ad “argomenti e aree formative” e non alle filiere o ai codici Ateco. Altro fattore che potrebbe limitare la partecipazione dei professionisti alle opportunità formative è l’eventuale richiesta di compartecipazione finanziaria".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questi motivi i consiglieri chiedono di fare chiarezza e mettere in campo azioni a sostegno dei professionisti: Abbiamo chiesto alla Regione quali migliori condizioni, rispetto agli aiuti di stato e ad eventuali forme di cofinanziamento, possono essere applicate ai professionisti per il finanziamento delle operazioni di formazione – proseguono –. Inoltre, ci chiediamo se la Regione Emilia-Romagna non ritenga di applicare il sistema dei voucher alla formazione dei professionisti e alle ITC e se nel prossimo bando per l’ICT, intenda prevedere importi minimi di investimento inferiori a quelli previsti nel 2018. Un esempio virtuoso in tal senso arriva dalla Camera di commercio di Forlì dove l’importo minimo dei progetti del “Bando Voucher Digitali i4.0” per il 2018 è di 5.000 euro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento