menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ultrabroadband, a Savignano arriva la fibra ottica superveloce da 30megabit

L'ultrabroadband permette non solo una velocità maggiore nel download e nell'upload di dati, ma anche la possibilità di collegarsi con diversi dispositivi in contemporanea

Connessione internet più veloci per il territorio savignanese: oltre venti tratti stradali del territorio urbano sono interessati dai lavori di posa della fibra ottica di nuova generazione ad opera di un gestore telefonico nazionale, che ha scelto di investire su Savignano nell'ambito del proprio piano di sviluppo infrastrutturale intervenendo su oltre 2.700 metri di carreggiata. L'ultrabroadband – questo il nome dell'innovativa tecnologia - permette non solo una velocità maggiore nel download e nell'upload di dati, ma anche la possibilità di collegarsi con diversi dispositivi in contemporanea senza incidere sulla qualità della connessione, anche accedendo a dati e contenuti conservati in un proprio “cloud” remoto. La soluzione tecnica che permette questo potenziamento è la FttCab (Fiber To The Cabinet) cioè un cavo di fibra ottica che si collega a un armadietto, e di lì alla centrale da cui parte il segnale.

“Grazie all'accordo raggiunto con il gestore - spiega il sindaco Filippo Giovannini - il Comune ha concesso al privato di effettuare i lavori senza dover imputare alcun costo alle casse comunali. L'intervento di posa di fibra ottica di ultima generazione permetterà di potenziare ulteriormente i servizi in un territorio già ben collegato, arrivando a garantire una connessione superveloce fino a 30 megabit. Questo non significa solo collegamenti più rapidi per uffici e utenze domestiche, ma anche la possibilità di implementare i servizi di una smart city che guarda al futuro, tra cui videosorveglianza, sicurezza e monitoraggio del territorio, infomobilità e telerilevamento ambientale”.

I lavori riguardano quindi le vie Saffi, Chiesa, della Libertà, della Pace, Pietà, Edison, Rios Salto, Bernardini, Don Polazzi, Sogliano, Amaduzzi, Barbaro, Moroni, Palladio, Fratelli Bandiera, Flavio Biondo, oltre a corso Vendemini e a oltre 700 metri di via Emilia Ovest. La posa della fibra, a opera dei tecnici, sfrutta collegamenti sotterranei già esistenti, minimizzando l'attività impattante grazie al ricorso alla tecnica “no-dig”: si tratta di un innovativo sistema di posa di cavi interrati che non richiede scavi a cielo aperto e manomissioni di superficie, assicurando basso impatto ambientale e ridotti tempi di lavorazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Una ricetta romagnola semplice e genuina: la spoja lorda

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento