Presidio dei luoghi "sensibili", missione sicurezza al Festival di Sanremo per un'azienda di Cesenatico

Sono entrati in funzione i tradizionali sistemi ai raggi X in grado di rilevare pistole, coltelli ed altro

C'era un'azienda di Cesenatico ad occuparsi della sicurezza al Festival di Sanremo. Si tratta della Securitaly, che in occasione della kermesse canora ha messo in campo una squadra che si è occupata del presidio dei luoghi "sensibili" della manifestazione. In particolare, l'azienda romagnola ha installato i suoi dispositivi agli ingressi del teatro Ariston e nei padiglioni che ospitavano le iniziative collaterali (in primis, quelli di Casa Sanremo). Qui sono entrati in funzione i tradizionali sistemi ai raggi X in grado di rilevare pistole, coltelli, esplosivi al plastico, armi in ceramica, agenti chimici, stupefacenti e qualsiasi altro oggetto considerato potenzialmente pericoloso per l'incolumità delle persone.

Installati agli ingressi anche i security metal detector che garantiscono una localizzazione multipla dell'oggetto pericoloso, indicandone tramite luce led l'esatta posizione. Infine, sono stati collocati nei luoghi più centrali dell'evento i bidoni anti-esplosivi, ovvero quei contenitori in grado di contenere le deflagrazioni dei più comuni esplosivi reperibili in circolazione. "Non è la prima volta che, come azienda, veniamo chiamati ad occuparci della sicurezza di eventi così importanti - spiega Stefano Della Chiesa, uno dei soci titolari di Securitaly -. Già in passato, infatti, ci siamo occupati del G7 di Taormina, della sicurezza di Papa Francesco e di eventi concertistici d'importanza planetaria".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonaccini: "La regione torna 'gialla' da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Positivo al tampone e in attesa dell'esito, trovato cadavere in casa

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Coronavirus, tornano a salire i contagi nel Cesenate. E si piangono altre vittime

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

Torna su
CesenaToday è in caricamento