rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Festini a 'Villa Inferno', rito abbreviato per il cesenate: la sentenza slitta al 21 febbraio

Martedì mattina si è svolta un'altra udienza nell'ambito del processo sui festini di 'Villa Inferno' che vedono coinvolto anche un cesenate, il 47enne Fabrizio Cresi

Martedì mattina si è svolta un'altra udienza nell'ambito del processo sui festini di 'Villa Inferno' che vedono coinvolto anche un cesenate, il 47enne Fabrizio Cresi. E' andato avanti il processo che si tiene nell'aula bunker del carcere bolognese della Dozza davanti al gup Alberto Gamberini. L'udienza è stata rinviata al prossimo 21 febbraio quando con ogni probabilità arriverà la sentenza per chi ha scelto il rito abbreviato come Cresi, nella mattinata di martedì  sono state vagliate le 3 richieste di patteggiamento, è stata completata la discussione, e nella prossima udienza il pm avrà la possibilità di replicare.

Per gli 11 imputati che hanno scelto il rito abbreviato (cha dà diritto a uno sconto di un terzo della pena) il pm Stefano Dambruoso ha chiesto condanne che arrivano fino a tre anni e otto mesi. Per quanto riguarda la posizione di Fabrizio Cresi, il parrucchiere di Cesena difeso dall'avvocato Donata Malmusi, la strategia difensiva ha portato appunto al rito abbreviato. Sul 47enne pendono le accuse di induzione alla prostituzione e cessione di droga. Nel corso della requisitoria il pubblico ministero ha chiesto una pena di 3 anni e 2 mesi di carcere per il cesenate che fu uno dei primi otto indagati nell'ambito di 'Villa Inferno'.

Nel processo scaturito dall'inchiesta 'Villa Inferno' sui festini a base di sesso e droga nella villa di Pianoro, nel bolognese, gli imputati sono accusati a vario titolo di spaccio, induzione alla prostituzione minorile e produzione e diffusione di materiale pedopornografico. Una 17enne all'epoca dei fatti si è costituita parte civile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festini a 'Villa Inferno', rito abbreviato per il cesenate: la sentenza slitta al 21 febbraio

CesenaToday è in caricamento