menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giornata della Liberazione a Savignano tra ricordo, letteratura e sport

In mattinata il programma prenderà il via alle 9 con la Santa Messa in memoria delle vittime del nazifascismo celebrata da don Piergiorgio Farina alla chiesa del Suffragio

Ricordo, letteratura e sport per il settantunesimo anniversario della Liberazione a Savignano sul Rubicone, dove lunedì 25 aprile la città affiancherà una giornata di eventi alle tradizionali celebrazioni commemorative “per non smettere mai – commenta il sindaco Filippo Giovannini – di dare attualità alle drammatiche vicende della Seconda guerra mondiale e a tutto ciò che ne è conseguito nel percorso di costruzione della nostra Repubblica: grazie a interventi qualificati come quelli di Miro Gori e Susanna Calandrini potremo ripercorrere insieme non solo le pagine di storia ma anche il difficile percorso verso la costruzione dello stato democratico”.

In mattinata il programma prenderà il via alle 9 con la Santa Messa in memoria delle vittime del nazifascismo celebrata da don Piergiorgio Farina alla chiesa del Suffragio, per poi radunarsi in corteo partiendo alle 10 dal monumento dedicato a Giuseppe Garibaldi a San Rocco, dove verrà posata la prima corona commemorativa. Il corteo si snoderà poi lungo le vie Fiume, Togliatti, della Libertà, Fratelli Rosselli, Don Minzoni, corso Perticari, fermandosi in corrispondenza delle epigrafi dedicate ai Caduti in guerra per deporre le corone. Alle 11 il corteo raggiungerà piazza Borghesi per la cerimonia di commemorazione: a intervenire saranno il sindaco Giovannini, il presidente dell'Anpi Rubicone Gianfranco Miro Gori e il presidente del consiglio comunale Lorenzo Silvagni.

Alle 18 il percorso di ricordo proseguirà con l'incontro con Susanna Calandrini alla Biblioteca di Palazzo Vendemini: l'autrice savignanese, insieme all'assessore alla Cultura Maura Pazzaglia e alla responsabile del settore Cultura Paola Sobrero, presenterà il suo libro “Al servizio di sua Maestà. Mia madre e gli inglesi 1943-1947”. Nel testo, attraverso le lettere di Carla e Chris, l'autrice tratteggia uno spaccato della vita interna all'Enklave riminese, il sistema di campi di internamento degli Alleati per i prigionieri dell'esercito germanico attivi dal 1945 al 1947 sulla costa adriatica. “Un'autrice del territorio – spiega Giovannini – che racconta il territorio locale tramite ricordi, racconti ed esperienze di chi quella pagina di storia l'ha vissuta in prima persona”. 

Nella stessa giornata, come da tradizione, si svolgerà il “Gran premio della Liberazione”, la gara ciclistica per Esordienti e Allievi organizzata dalla polisportiva Fiumicinese Fait Adriatica, quest'anno alla quarantunesima edizione. Novità di quest’anno è la collaborazione con il Team Elite Service Campedelli di Cesenatico con l’introduzione di una quarta gara dedicata alla categoria Juniores. Sarà, pertanto, un’intera giornata dedicata al ciclismo giovanile a partire dalla mattina con le due gare per gli esordienti (13 e 14 anni), a seguire nel primo pomeriggio con la categoria allievi (15-16 anni) e terminare poi nel tardo pomeriggio con la categoria juniores (17-18 anni). Il percorso interesserà viale della Resistenza, via Togliatti, via Castelvecchio, via Manzoni, via Don Minzoni e via Sogliano per un totale di 3,8 km da ripetere più volte.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Benessere

Come rassodare il seno a casa: ecco gli esercizi push up

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento