Fermate non a norma, odissea di un disabile sulla linea 94: "Non posso né scendere né salire"

E' la segnalazione di Maurizio, un disabile di 57 anni che da tempo deve subire i disservizi a cui sono sottoposti i diversamente abili soprattutto per quanto concerne il trasporto pubblico.

"Sono un utente abituale, del trasporto pubblico locale, svolto da Start Romagna e solitamente faccio la tratta della linea 94 che transita da Cesenatico che mi consente di arrivare a San Mauro mare ove mi reco durante il mio tempo libero. Questo lo faccio durante tutto l’anno e ancor di più in estate quando aumentano le corse che mi permettono di raggiungere San Mauro mare". Inizia così la segnalazione di Maurizio, un disabile di 57 anni che da anni deve subire i disservizi a cui sono sottoposti i diversamente abili soprattutto per quanto concerne il trasporto pubblico.

"Per me iniziano i problemi inerenti al trasporto, proprio in estate ed il lunedi, in quanto essendo costretto da sempre a muovermi sulla sedia a rotelle, ho delle difficolta proprio quel giorno, quando per la modifica del percorso della linea 94, dovuta alla presenza del mercato settimanale, non posso scendere né salire all’unica fermata abilitata presente a San Mauro mare, a norma, per far salire e scendere i disabili in carrozzina, ossia la numero 54 che dopo anni sono riusciti a mettere a norma, ma devo scendere e salire alla fermata 53 posta su Viale Panzini, che non è idonea per essere utilizzata dagli utenti nelle mie stesse condizioni, in quanto è presente un marciapiede che non ha la giusta altezza, probabilmente non presenta gli spazi giusti, e non ha gli scivoli adeguati per consentirmi di mettermi in strada o proseguire sul marciapiede in sicurezza. Inoltre per i motivi di cui sopra, gli stessi autisti corrono dei rischi nel farmi scendere con la fermata non a norma, né tanto meno io mi sento sicuro nel caso dovessi scendere e proseguire per andare verso il centro di San Mauro" dice ancora Maurizio.

"Da sempre ho dovuto lottare con le istituzioni per vedermi riconosciuti i miei diritti per essere trasportato liberamente come è giusto che sia ed in sicurezza, ed anche in questo caso per quanto riguarda la fermata 53 di San Mauro Mare, mi sono rivolto non molto tempo fa al comune di San Mauro Pascoli di cui è competenza la fermata che ho citato prima, che però mi ha risposto che non vi sono le condizioni per mettere a norma quella fermata, senza trovare un'altra alternativa. Volevo fare un appello alle istituzioni quali prefettura di Forlì-Cesena, all’azienda del trasporto pubblico Start Romagna all’agenzia della mobilità Amr ed al comune di San Mauro Pascoli, affinchè a breve si possa trovare una soluzione per quella fermata 53° o altre, in modo da darmi la possibilità di raggiungere tale località anche il lunedì di estate e poter scendere e salire, in sicurezza" continua il 57enne nella sua segnalazione. 

"Faccio un appello anche alla consigliera regionale del movimento cinque stelle Raffaella Sensoli, essendosi dimostrata molto sensibile alle questioni riguardanti la liberta dei disabili di essere trasportati dal servizio pubblico, per una vicenda da poco accaduta nel territorio di Rimini, che possa intervenire per far mettere a norma altre fermate a San Mauro mare appartenente al comune di San Mauro Pascoli, che di fermate a norma ne ha una soltanto, sebbene la legge 104/92 art. 26, impone ai comuni ad assicurare la mobilità delle persone disabili e quindi di avere, fermate adibite al trasporto pubblico, idonee a far salire e scendere i disabili in carrozzina e di rispettare i loro diritti come confermano anche delle sentenze che in base alla legge 67 del 2006 hanno condannato alcuni comuni in Italia" conclude Maurizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento