Far west alla stazione, blindata l'area delle scuole: si temono le "vendette"

Procedono serrate le indagini sulla maxi-rissa che si è consumata con tanto di sassaiola in mezzo a decine di presenti impietriti, tra due bande giovanili a quanto pare di studenti minorenni

Procedono serrate le indagini sulla maxi-rissa che si è consumata con tanto di sassaiola in mezzo a decine di presenti impietriti, tra due bande giovanili a quanto pare di studenti minorenni che frequentano le superiori della zona stazione. Lunedì mattina, alla ripartenza dell'attività scolastica - terminata venerdì all'ora di pranzo con queste tensioni paragonabili a quelle delle grandi metropoli - la zona della stazione è stata massicciamente presidiata da tutte le forze dell'ordine per scongiurare nuovi fenomeni del genere. Tra gli studenti, infatti, sta correndo voce che la vicenda non sia terminata e che uno dei gruppi stia meditando e organizzando una sorta di "vendetta". Se così fosse non si tratterebbe di un episodio estemporaneo, ma di un vero e proprio appuntamento per "regolare i conti".

Il violento episodio è avvenuto nel primo pomeriggio di venerdì in piazzale Sanguinetti, dove si sono affrontati una cinquantina di giovani. Due, a quanto pare, i gruppi: da una parte una rappresentanza di savignanesi, dall'altra quella cesenate. Durante la maxi rissa ci sono stati lanci di bottiglie di vetro e pezzi di porfido e sassi. Nella circostanza un giovane ha riportato lievi lesioni, necessitando comunque delle cure dei sanitari dell'ospedale "Maurizio Bufalini" di Cesena.

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, i primi momenti di tensione si sono avuti alle Vigne. Dopodichè le schermaglie sono proseguite nei pressi della stazione. Gli uomini dell'Arma stanno indagando a 360 gradi per chiarire quanto avvenuto e soprattutto il perchè. Non si esclude l'ipotesi del regolamento di conti per qualche futile motivo. Gli accertamenti proseguiranno attraverso le immagini delle telecamere di videosorveglianza nei pressi della stazione.

Allertati da numerosi passanti, i militari hanno fermato anche un autobus diretto a Savignano, dove si presume fossero saliti alcuni protagonisti del "far west". Sono stati identificati tutti i presenti, tra i quali diversi giovani. Durante le perquisizioni non sono stati trovati oggetti o armi. Al momento non vi sono denunce. Sono stati effettuati accertamenti anche al pronto soccorso per verificare la presenza di eventuali ragazzi con lesioni compatibili a risse. Ma non vi sono stati accessi per medicazioni di questo tipo di lesioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • La regione verso il "giallo" ma Bonaccini avverte: "Dobbiamo evitare una terza ondata"

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento