Faida interminabile: picchiato e rapinato dal rivale in amore, stavolta è lui a finire in carcere

Due anni fa fu la sua vittima – il nuovo compagno della ex - a finire arrestato perché lo perseguitava con danneggiamenti, lesioni e pure una rapina. Oggi le parti si sono invertite

Due anni fa fu la sua vittima – il nuovo compagno della ex - a finire arrestato perché lo perseguitava con danneggiamenti, lesioni e pure una rapina. Oggi le parti si sono invertite ed è lui questa volta a finire in carcere, accusato di stalking nei confronti della stessa persona. Ha i caratteri di una sorta di “faida” interminabile la vicenda bloccata dai carabinieri di San Mauro Pascoli, al termine di articolata attività investigativa. I militari hanno dato esecuzione  ad un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. di Forlì, su richiesta del PM Laura Brunelli, per il reato di atti persecutori aggravati e continuati, a carico di un 36enne del brindisino, residente della zona del Rubicone, già noto per diversi precedenti di polizia.

Secondo le accuse il soggetto si sarebbe accanito sulla ex moglie e sul nuovo convivente di quest’ultima. Nel mese di dicembre 2015, l’arrestato era stato a sua volta vittima dei reati di rapina aggravata, danneggiamento e lesioni personali, commesse dall’attuale nuovo compagno della moglie, con un'altra persona, reati per i quali, poi, questi ultimi due vennero tratti in arresto, in provincia di Brindisi, alla fine del mese di gennaio 2016.

Contestualmente all’ordinanza, è stata data esecuzione a decreto di perquisizione personale e domiciliare disposto dall’Autorità Giudiziaria, eseguito con la collaborazione di due unità Cinofile Carabinieri di Bologna, che ha dato come esito il rinvenimento del cellulare con il quale l’uomo inviava sistematicamente messaggi minatori alle vittime, oltre che alla somma in contanti pari a oltre mille euro, trovatagli addosso, della quale non sapeva dare plausibile spiegazione. Il cellulare è stato sottoposto a sequestro, mentre la somma in contanti è stata sequestrata preventivamente ai fini della confisca. Dopo le formalità di rito, l’uomo è stato portato la Casa Circondariale di Forlì.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ristoranti d'eccellenza: le stelle Michelin brillano ancora su Cesenatico

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • La Regione allenta le misure anti-Covid, la nuova ordinanza valida fino al 3 dicembre

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Bonaccini: "La regione resta 'arancione' ma negozi riaperti già da domenica"

  • "Siano riconosciuti gli esiti dei tamponi rapidi per lo stato di malattia dei lavoratori"

Torna su
CesenaToday è in caricamento