Fabbri: "Un'altra cava vicino al Savio, in un'area naturale protetta"

L'ecologista: "Si continua a prevedere e a dare attuazione ad attività estrattive in adiacenza al fiume Savio"

"Distruzione di un bosco in adiacenza al fiume Savio. Questa volta siamo a Mercato Saraceno, in località Borgo Stecchi, vicino alla frazione di Taibo. I cittadini possono bloccare questa nuova cava. Entro l’8 giugno 2020 tutte le persone interessate a difendere il territorio, possono presentare una osservazione per chiedere lo stralcio di tale previsione di cava". E' quanto afferma Davide Fabbri, in una sua iniziativa ecologista.

"Si continua a prevedere e a dare attuazione ad attività estrattive in adiacenza al fiume Savio. Dopo la cava già ripetutamente denunciata di Ca’ Bianchi a Cesena (area di 20 ettari inserita nel perimetro di una “area di riequilibrio ecologico”), si intende realizzare un’attività estrattiva a Mercato Saraceno. E pensare che l’emergenza sanitaria da Covid-19 ha fatto emergere – fra l’altro – in maniera inoppugnabile tutti i limiti di un modello produttivo che ha dominato in questi anni i nostri territori e nell’intero paese, che aveva al centro l’approccio predatorio nei confronti dell’ambiente e delle risorse naturali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Entro il prossimo 8 di giugno si possono presentare osservazioni al progetto di attività estrattiva di Borgo Stecchi a Mercato Saraceno, dopo aver letto e studiato tutta la documentazione relativa a tale progetto, che è disponibile sul sito web del Comune di Mercato Saraceno. L’area è di circa 14 ettari, quasi interamente ricoperta a bosco. E’ adiacente al fiume Savio, in sponda sinistra idrografica del fiume, poco lontano dalla strada provinciale 138 “Savio”. E’ un’area coperta da bosco di salici e pioppo nero, densissimo e in alcune parti impenetrabile. A formazione in evoluzione naturale, poiché è un’area riconquistata dalla natura, con vegetazione naturale dopo che l’area è stata sfruttata in passato come cava. Oltre al salice e al pioppo nero, è presente la robinia, l’acero, il sambuco e l’ailanto, l’albero del paradiso. L’area è molto delicata ed è soggetta a zona di tutela, ai sensi del P.T.C.P. Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il primo studente positivo a scuola, tutta la classe va in quarantena

  • La loro passione diventa un'avventura dolcissima: due amiche aprono una biscotteria-pasticceria

  • Dopo l'influencer al Grande Fratello Vip una cesenate a Uomini e Donne: "Voglio conquistare il tronista"

  • Il virus entra anche al Righi, 26 studenti in quarantena. Un altro tampone positivo al linguistico

  • Coronavirus, "focolaio" nell'azienda di consegne, 12 lavoratori positivi al tampone

  • Il blitz della Finanza chiude l'hotel in anticipo, c'erano solo lavoratori stranieri in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento