Ex discarica di Rio Eremo, il Comune: "Inquinamento confinato nel sito"

Sui lavori di bonifica dell'ex discarica di Rio Eremo interviene con una nota l'Amministrazione comunale, che fa il punto della situazione. La questione è relativa alla messa in sicurezza e alla bonifica del sito

Sui lavori di bonifica dell’ex discarica di Rio Eremo interviene con una nota l’Amministrazione comunale, che fa il punto della situazione. La questione è relativa alla messa in sicurezza e alla bonifica del sito dell’ex discarica di Rio Eremo, sollevata dal capogruppo NCD Riccardo Cappelli, che ha rilevato che esistono dei dati allarmanti sulle analisi effettuate ogni anno sulle acque sotterranee sia da Arpa che da un istituto privato. Numerosi sarebbero infatti gli sforamenti di alcuni inquinanti rispetto ai parametri di legge, anche nelle analisi effettuate nel 2013: Boro, alluminio, ferro, manganese, fluoruri e altre sostanze sono presenti in quantità elevate, anche 6-7 volte i parametri di riferimento.

La discarica era in uso dagli anni Sessanta fino agli anni Ottanta. Il Sindaco di Cesena Paolo Lucchi e l’Assessore alle Politiche Ambientali Lia Montalti assicurano che “il Comune di Cesena non ha mai dimenticato tale problematica, tanto che il primo progetto riguardante la sistemazione della rete di captazione e conduzione del percolato fu approvato dalla Giunta Provinciale nel 1987. Tali lavori vennero eseguiti e la discarica venne inserita dalla Regione nell’elenco dei siti da bonificare prima nel 1995 e poi nel 1998”.

Ricorda quindi la storia la nota del Comune: “Con l’entrata in vigore nel 1999 del D.M. 471, il Comune ritenne opportuno aggiornare e completare il progetto di messa in sicurezza e, quindi, mediante una collaborazione con l’Università di Ferrara venne redatto un progetto preliminare di messa in sicurezza permanente così come veniva definito dalla nuova normativa. Il progetto è stato poi trasmesso agli Enti competenti in materia (Regione, Provincia, ARPA, AUSL, Servizio Provinciale Difesa del Suolo) attivando la procedura per la sua approvazione nel 2002. A seguito della necessità di ulteriori dati e informazioni tecniche evidenziata dagli Enti suddetti, il Comune eseguì, nel 2002, un piano di indagine suppletivo, con l’esecuzione di indagini geognostiche, di un rilievo topografico di dettaglio e di campionamenti e analisi del percolato, delle acque sotterranee, del suolo, delle acque superficiali e dei sedimenti del Rio Cesuola”.

Ed ancora: “Tutto ciò ha portato, negli anni 2004-2008, alla elaborazione ed approvazione del Piano di Caratterizzazione, del Progetto preliminare e del Progetto definitivo per la bonifica con misure di messa in sicurezza permanente del sito dell’ex discarica di Rio Eremo”.

L'INQUINAMENTO – Ed ancora: “Per quanto concerne ai risultati delle analisi di monitoraggio delle acque sotterranee precisiamo che i superamenti dei valori limite riscontrati non appaiono preoccupanti, in quanto sono confinati nel sito di discarica e non vi sono evidenze di inquinamenti nell’ambiente esterno. In particolare occorre evidenziare che i superamenti dei parametri Solfati e Manganese riscontrati nei pozzi a valle della discarica, sono attribuibili alla natura geologica dei terreni attraversati, in quanto si presentano come valori di concentrazione tipici e caratterizzanti la maggior parte delle falde acquifere della pianura emiliano-romagnola”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ed ancora: “I valori di tali parametri possono essere ricondotti a valori di fondo e non denotano contaminazioni provenienti dalla discarica che, viceversa, verrebbero evidenziate da alterazioni di altri parametri macrodescrittori tipici del percolato quali: azoto ammoniacale, BOD, COD e cloruri. Ciò non toglie, comunque, l’impegno del Comune nel proseguire il monitoraggio delle acque sotterranee e a completare gli interventi di messa in sicurezza permanente del sito non appena si renderanno disponibili le risorse necessarie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Governo al lavoro per un nuovo Dpcm, si pensa a coprifuoco e altri limiti per i locali

  • Finisce l'incubo per la famiglia, dopo l'appello a "Chi l'ha visto" ritrovata la 17enne scomparsa

  • Ore di ansia per la famiglia, si moltiplicano gli appelli per una 17enne scomparsa: ma c'è il lieto fine

  • Si lascia cadere nella notte dal Ponte vecchio: recuperato il cadavere nel Savio

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • Prezzi delle case vacanza, Cesenatico sul podio. Come il Covid influenza il mercato immobiliare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento