menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Evasione fiscale nel settore delle depurazioni: la Finanza sequestra un fabbricato

L’ispezione, illustrano fonti investigative, "ha fatto emergere che la ditta, negli anni d’imposta dal 2011 al 2015, non ha mai presentato le dichiarazioni annuali, risultando così evasore totale".

Un fabbricato industriale, del valore di oltre 400mila euro, sotto sequestro preventivo finalizzato alla confisca. Il provvedimento, richiesto dal sostituto procuratore Sara Posa e firmato dal giudice per le indagini preliminari Monica Galassi, è stato eseguito dalla Guardia di Finanza di Forlì al termine di un'attività di verifica fiscale condotta dal Gruppo di Cesena nei confronti di un’impresa di Longiano operante nel settore della raccolta e depurazione delle acque di scarico. L’ispezione, illustrano fonti investigative, "ha fatto emergere che la ditta, negli anni d’imposta dal 2011 al 2015, non ha mai presentato le dichiarazioni annuali, risultando così evasore totale". Non sarebbero emersi quasi 1.4 milioni ai fini delle imposte dirette e quasi 600 mila euro ai fini dell’Iva.

Il responsabile dell’impresa è stato denunciato per la violazione di reati di natura tributaria. Inoltre, sempre nel corso della medesima attività, informano dalle Fiamme Gialle, "sono state riscontrate ulteriori condotte penalmente rilevanti perpetrate dal rappresentante legale della verificata che ha effettuato attività di gestione di rifiuti, non pericolosi, tramite l'utilizzo di autocarri privi delle prescritte autorizzazioni. Anche per tali vicende si è instaurato procedimento penale a cognizione del procuratore Filippo Santangelo, nell’ambito del quale era già stato disposto ed eseguito dal Gruppo di Cesena un altro decreto di sequestro preventivo di due autocisterne utilizzate per la commissione degli illeciti contestati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento