L'esperta: "Giovani 'spavaldi' davanti al virus ma non c'è il rischio di un nuovo lockdown"

Raffaella Angelini, direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Ausl Romagna: "Meno carica virale? No, il Covid è sempre lo stesso ma circola meno e gli anziani sono più protetti"

Siamo alle prese con un "ritorno" del virus, un aumento di contagi che nella maggior parte dei casi riguarda persone rientrate dai luoghi di vacanza. Ma c'è anche il dato di un'età dei nuovi positivi che si abbassa, domenica nel Cesenate cinque nuovi casi, tutti di età compresa tra 17 e 25 anni, sotto accusa ovviamente i luoghi della movida con il governo che è corso ai ripari richiudendo le discoteche. All'orizzonte la problematica riapertura delle scuole, tra incognite e pericolo di contagi tra i banchi.  Su questo scenario interviene la dottoressa Raffaella Angelini, direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica dell'Ausl Romagna.

Dottoressa, preoccupa quest'ultima impennata dei casi?

Onestamente devo dire di no, la maggior parte dei casi sono persone che erano già in isolamento, perché contatti stretti di positivi. Oppure si tratta di persone che rientrano da paesi esteri, spesso si tratta di persone asintomatiche

Perchè ci sono più asintomatici e meno malati rispetto ai mesi scorsi?

Perché il virus sta circolando molto di meno, i numeri sono ben diversi rispetto a quelli di marzo e aprile. C'è una strategia più attiva e intensiva per quanto riguarda i tamponi. Si lavora molto di più sugli asintomatici o sui lievemente sintomatici, cioè su casi che ad aprile non vedevamo. Oggi abbiamo un virus a bassa circolazione, ma questo non significa che è diminuita la carica virale, il Covid è sempre lo stesso

C'è il rischio di confusione col ritorno dei classici sintomi influenzali?

C'è questo rischio, per questo è opportuna una campagna vaccinale antinfluenzale molto forte. Quest'anno sarà anticipata e comincerà ad ottobre

A cosa è dovuto il crollo della mortalità?

Al fatto che il virus è molto meno diffuso, circola poco, sono pochi i ricoveri in ospedale, e le categorie più fragili come gli anziani oggi sono molto più protette

Siamo in prossimità della riapertura delle scuole. Come gestire questa delicata situazione?

In primis si eseguiranno i test sierologici sul personale scolastico perché è fondamentale escludere che ci siano insegnanti positivi. Ovviamente bisognerà mettere in campo tutta una serie di misure, le scuole dovranno far rispettare la distanza di un metro tra i ragazzi. E' importante che i ragazzi restino a casa se presentano sintomi compatibili con il Covid

L'età dei contagiati si è abbassata, secondo lei è stato un errore riaprire le discoteche?

Non butterei la croce addosso solo alle discoteche. L'aumento dei casi è stato causato dalla riapertura di tutti i luoghi di socialità. Una situazione affrontata dai ragazzi con sprezzo del pericolo. Bisogna dire che molti casi sono di rientro dall'estero, paghiamo un po' lo scotto della movida in paesi come Spagna, Grecia e Croazia

In autunno c’è il rischio di tornare all’emergenza di marzo? C'è un rischio di un nuovo lockdown?

Io penso e spero proprio di no, in quella fase non avevamo la conoscenza del virus che abbiamo oggi. Oggi abbiamo la possibilità di capire prima se la situazione si sta aggravando. Siamo in grado di ricercare in modo attivo ed efficace i casi, e gli ospedali sono in grado di organizzarsi meglio. A marzo abbiamo pagato il ritardo di un virus che circolava da mesi

Con il vaccino a che punto siamo?

Il vaccino è uno strumento prezioso se efficace, sicuro e producibile su larga scala. Siamo ancora in una fase di lavori in corso, molti vaccini sono in fase di studio ma non c'è ancora una data certa

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra sfida il Dpcm: "Resto aperto, i clienti sono venuti ai corsi come un normale lunedì"

  • Coronavirus, stabile la curva dei contagi. Cinque i positivi nelle scuole

  • Nuovo dpcm, è un mini lockdown: ristoranti chiusi alle 18. Stop per cinema, palestre e teatri

  • La Polizia chiude e multa la palestra 'disobbediente'. "Ho ricevuto anche minacce di morte"

  • Coronavirus, impennata di contagi nelle ultime 24 ore: la provincia tocca quota 100

  • "Qui si cena anche, la stanza la offro io", il ristoratore cesenate 'aggira' il Dpcm

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento