Esce urlando dalla stazione: "Sono stato rapinato". La Polizia arresta due uomini

Una rapina con tanto di coltello, nella sala d'attesa della stazione, ha portato all'arresto di due uomini ampiamente noti alle forze dell'ordine

Il dirigente del commissariato Nicola Vitale

Un fatto grave come lo definisce il dirigente del Commissariato di Polizia della città Nicola Vitale, che ha visto come scenario la sala d'attesa della stazione ferroviaria di Cesena. Una rapina con tanto di coltello ha portato all'arresto di due uomini, ampiamente noti alle forze dell'ordine per reati contro il patrimonio e la persona. Si tratta di un 27enne di origine siciliana e un cittadino svizzero 50enne, entrambi residenti nel cesenate.

Video - Rapinato nei pressi della stazione, presi i responsabili: la ricostruzione della Polizia

Ma cosa è successo? Erano circa le 17 dello scorso venerdì, quando un uomo si è precipitato fuori dalla stazione ferroviaria urlando di essere stato rapinato, e invocando l'aiuto di una pattuglia della polizia che era proprio in quel momento impegnata in un giro di perlustrazione. La vittima, un algerino di 26 anni, secondo quanto ha raccontato, è stato rapinato del suo telefono cellulare. Il 26enne ha raccontato che i due si sono avvicinati e gli hanno intimato di consegnare il telefono, al rifiuto sarebbe scattata la violenza con il 50enne svizzero che ha anche brandito un coltello da cucina prima di impossessarsi del telefono che era custodito in uno zaino.

Un episodio reso ancora più inquietante dal seguito. All'arrivo degli agenti, i due si sono fiondati nel bar della stazione "Chef Express". Qui hanno provato a disfarsi del coltello da cucina mettendolo nella borsa di una signora. Un inseguimento che ha visto anche il più giovane dei fuggitivi sferrare una testata al rapinato, il tutto davanti agli uomini in divisa. Una foga che poi è sfociata anche in aggressione verso gli stessi agenti, costretti a ricorrere alle cure sanitarie, dopo aver immobilizzato i due. Un viaggio molto turbolento verso il commissariato, con i due arresti che sono stati poi convalidati dal gip per i reati di rapina, minaccia e lesioni a pubblico ufficiale e alla malcapitata vittima. 

Il commissariato sottolinea tuttavia, come anche per la netta discrepanza fra quanto dichiara il giovane algerino e quanto invece dichiarano i due arrestati, ci sia più di qualche dubbio in ordine alla rapina, con il telefono cellulare che non si esclude possa essere stato in precedenza rubato ai due soggetti finiti in manette. Lo stesso smartphone, punto oscuro della vicenda, non è stato rinvenuto dalla Polizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ragazzi cacciati perché autistici", l'area di servizio si scusa: "Un equivoco, vogliamo fare una donazione"

  • Il virus torna a preoccupare nel Cesenate, cinque casi nelle ultime 24 ore

  • A Cesena in arrivo due nuovi T-Red, quasi 1000 multe per il superamento della linea d'arresto

  • "Come al mare ma in riva al fiume", esordio per la 'spiaggetta' lungo il Savio

  • Morsa da un cane libero in un giardino pubblico, sfilza di sanzioni per il proprietario

  • Coronavirus, tre nuovi casi nel Cesenate: due rientrati da paesi dell'Est-Europa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CesenaToday è in caricamento