Escalation di furti a negozi, l'allarme di Confesercenti: "Riguarda centro e periferie"

"Positivo che l’amministrazione preveda incentivi per le attività commerciali che installano sistemi di sicurezza"

Confesercenti lancia l'allarme sicurezza per gli esercizi commerciali presenti sul territorio cesenate. “Continuano a verificarsi in questi giorni – affermano Vanni Zanfini e Graziano Gozi, presidente e direttore di Confesercenti  - ripetuti furti in negozi e locali collocati sia in centro che in periferia. Un fenomeno angoscioso che si inserisce in un quadro già difficoltoso per la complessa situazione economica delle attività commerciali. Molte nostre imprese associate ci hanno contattato confermando le sensazioni e le posizioni di preoccupazione che avevamo rilevato con un accurato sondaggio sulla situazione Sicurezza”.

"Nel nostro sondaggio - prosegue Confesercenti - compiuto su 100 imprese del territorio avevamo monitorato lo stato di sicurezza della città e la percezione dei commercianti su questo tema. In generale emergeva dai dati raccolti l’idea che negli ultimi anni le attività criminali sono aumentate: l’aumento riguarderebbe in particolare reati di rapina e furti, seguiti subito dopo da reati di delinquenza comune. Un altro fenomeno rilevato, pur se in percentuale minore, è la contraffazione”.

 “La situazione sicurezza – proseguono i dirigenti Confesercenti Cesenate – continua a destare ancora tante preoccupazioni. Ci fa piacere, quindi, che l’amministrazione preveda a bilancio incentivi per le attività commerciali che installano sistemi di sicurezza nelle proprie attività. Proponiamo ancora, inoltre, di arrivare ad un effettivo coordinamento interforze sul modello di quello messo a punto nella costa nel periodo estivo con risultati molto positivi; proponiamo il numero telefonico unico per le emergenze e sosteniamo la richiesta del Sindaco per un aumento dell’organico nel cesenate. In relazione all’organico, vorremmo fosse reso noto quale è il livello di presidio per capire se la dotazione di Forze dell’Ordine a Cesena è simile a quella degli altri capoluoghi romagnoli”. 

"Chi gestisce un negozio - concludono il presidente di Cesena e il direttore della Confesercenti Cesenate - ha già tanti grattacapi per far quadrare i propri conti; subire un furto può diventare il colpo di grazia che costringe ad abbandonare un’attività imprenditoriale. Esprimiamo la nostra vicinanza e solidarietà alle imprese che sono state colpite da questi fenomeni e restiamo a disposizione per cercare di trovare soluzioni per arginare questo fenomeno increscioso”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Boom di nuovi casi, il virus raggiunge il picco nel Cesenate. Morta una donna

  • Prima vittima del Covid nel comune, il sindaco: "Profonda tristezza e sconforto"

  • Non si fermano i lutti, si piange un'altra vittima del virus. Positivi in lieve calo

  • Covid, il bollettino: 92 nuovi positivi nel Cesenate nelle ultime 24 ore. Un altro morto nell'area del Rubicone

  • Scende l'indice Rt in regione ma salgono i positivi nel Cesenate. Si piange un'altra vittima

  • Bonaccini: "Emilia Romagna arancione? Curioso. Per Natale valutiamo aperture"

Torna su
CesenaToday è in caricamento