menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Auricolare e suggeritore per passare l'esame della patente: giovane stanato

I poliziotti, giunti sul posto ancor prima che terminasse la prova, hanno appurato che il giovane sotto la t-shirt nascondeva un microfono collegato ad un dispositivo bluetooth

Voleva superare l'esame teorico per la patente "B" per passare alla fase 2, quella della pratica. E per questo si era affidato ad un suggeritore, che gli forniva le risposte attraverso un auricolare. Ma è stato scoperto e denunciato. Nei guai è finito un giovane cesenate, che dovrà rispondere delle accuse di truffa ed induzione in errore del pubblico ufficiale. L'episodio si è verificato giovedì negli uffici della Motorizzazione Civile di Forlì.

Dopo le formalità iniziali e verificata la regolare iscrizione dei candidati, l’esaminatrice si è accorta che uno dei presenti aveva un atteggiamento anomalo. Sospettando che potesse nascondere qualche sofisticata apparecchiatura sotto la giacca, al fine di superare illecitamente la prova d’esame, ha chiesto l’intervento degli agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria della Sezione Polizia Stradale di viale Italia. I poliziotti, giunti sul posto ancor prima che terminasse la prova, hanno appurato che il giovane sotto la t-shirt nascondeva un microfono collegato ad un dispositivo bluetooth, oltre ad un cellulare attivo occultato in un calzino, in modo da tenersi in contatto diretto con un suggeritore che, a distanza, ascoltava le domande lette ad alta voce dal candidato fornendogli le risposte esatte.

Gli investigatori di viale Italia, intuendo quello che stava succedendo e verificando che il ragazzo non sembrava munito dell’indispensabile auricolare per ricevere le risposte, l'hanno accompagnato al pronto soccorso del "Morgagni-Pierantoni", dove l’otorino di turno ha estratto dal condotto auricolare destro del giovane un minuscolo dispositivo ricevente. Tale completava il kit utilizzato dal candidato per superare l'esame teorico, e che lo stesso, accortosi di esser stato sorpreso in flagranza, aveva maldestramente sospinto all’interno dell’orecchio. La prova si è conclusa amaramente per il cesenate in quanto l’esame è stato annullato, oltre che essere denunciato per truffa ed induzione in errore del pubblico ufficiale. Il "kit" è stato sequestrato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Piccoli ma sorprendenti: i musei più curiosi dell'Emilia Romagna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CesenaToday è in caricamento